25 tagli pixie cut romantici per la primavera / estate 2015 [FOTOGALLERY]

Una ottima galleria di tagli pixie cut tutti da guardare e da condividere!

pixiecut pixiecut

Qualche mese fa iniziammo a parlare in misura piuttosto insistente del pixie cut come una delle possibili tendenze (anche) per il 2015. Ebbene, quando dall’inizio dell’anno sono oramai trascorse un numero sufficiente di settimane per saperne di più, possiamo certamente realizzare che tale previsione si è rivelata pienamente vincente. Il pixie cut è infatti uno dei trend più in voga degli ultimi tempi, e sarà così per tutto il prossimo futuro a breve termine, candidando dunque questo taglio piuttosto “fresco” ad essere una delle reginette della prossima estate 2015.

Leggi anche: 32 tagli di capelli pixie cut per la primavera / estate 2015

La storia del pixie cut ci porta ben lontano nel tempo. Basta d’altronde ricordare le abitudini di Audrey Hepbrun, o quelle di Mie Farrow, per cercare di comprendere quanto sia stata longeva la vicenda intorno al pixie cut. Un taglio e un’acconciatura che sembra resistere alla prova del tempo, e che può pertanto ricondursi al 2015 con una buona persistenza e longevità, contagiando e conquistando delle donne di primissimo piano come Halle Berry e Michelle Williams, Anne Hathaway e Carey Mullingan, e non solo.

Ma come individuare il giusto pixie cut per qualsiasi viso? Come spesso accade, su Vogue Italia è Salvo Filetti, hair designer per Compagnia della Bellezza, a offrire qualche validissimo spunto. Nel caso ad esempio in cui il viso sia lungo, “il taglio non deve essere troppo aderente alla testa, ma più ‘leggero’, quasi spettinato ai lati e sulla nuca. Le stesse regole valgono se il mento è appuntito”. Se invece il viso è quadrato, “fate attenzione: il volume deve essere concentrato sulla parte alta della testa con ciocche che ‘sfuggono’ dal taglio lateralmente”.

E per i visi tondi? Anche in questo caso Filetti non ha dubbi: “bisogna creare delle geometrie, per esempio con una basetta grafica dall’allure retro. In più il taglio deve essere cortissimo lateralmente così da ‘alzare’ lo zigomo e donare più volume al volto”.

Stabilito ciò, è bene ricordare che il pixie cut non è un taglio “immortale”. L’importante sarebbe ritornare a rinfrescare il look almeno una volta ogni 30-40 giorni, visto e considerato che se trascorre più tempo le geometrie faticosamente costruite perderebbero di significato. Per chi ha i capelli ricci, conclude invece Filetti, “nel caso in cui i ricci fossero definiti, la risposta è sì. Non solo: un taglio così corto può essere la soluzione ideale per combattere l’effetto crespo. Lo consiglio anche se i capelli sono molto fini perché dona volume naturale”.

Leggi anche: 20 pixie cut davvero invidiabili

Detto ciò, confrontatevi apertamente con il vostro parrucchiere. Il pixie cut è infatti un taglio particolarmente adatto a mettere in risalto i pregi ma, in alcuni casi, anche i difetti. Pertanto occorrerà stabilire con il vostro hairstyle di fiducia il giusto volume da applicare al pixie cut, cercando di creare quell’equilibrio perfetto che separerà l’autogol da un clamoroso successo.

Fatto ciò, rompete gli indugi e sposate la nuova filosofia del pixie cut. Naturalmente, non dimenticatevi di farci sapere come è andata a finire, e quali sono stati i risultati ottenuti!

Fonte: Fashionsy