Capelli luminosi, come averli con lo shampoo che… non ti aspetti!

Come avere i capelli luminosi grazie a uno shampoo davvero particolare.

capelli-voluminosi

Pensavamo di averle viste tutte e invece, evidentemente, non è così. Perché dall’Università di Reykjavik, in Islanda, sono stati compiuti degli studi che hanno consentito di entrare a conoscenza con una tradizione secolare che a quanto pare non era dettata solo dalla povertà, ma anche dalla possibilità di mettere a frutto delle proprietà quasi miracolose.

Leggi anche: Shampoo naturale fatto in casa, risparmio e benessere in un colpo solo

“In passato il sapone era un prodotto di lusso, motivo per cui le donne, al fine di sfoggiare una chioma splendida splendente, aggiungevano dell’urina di mucca all’acqua utilizzata per lavarsi i capelli” – ricordava il quotidiano La Stampa, che si è occupata del particolare caso – “Nonostante l’idea possa creare disgusto, a quanto pare a giovarne sarebbe proprio la capigliatura che verrebbe nutrita e rigenerata grazie alla ricca presenza di vitamine e minerali”.

shampoo voluminoso

Insomma, anche se l’orrido è dietro l’angolo, lavare i capelli con dell’urina di mucca e acqua è un vero e proprio toccasana. Ne è convinto il co-creatore del progetto, Anton Reynir Hafdisarson, secondo cui “nonostante le critiche, alcune persone troveranno emozionante l’idea e vorranno fare un tentativo”. Ebbene, anche se tra quelle persone non ci saremo sicuramente noi, se siete interessati potete fare una ricerca a caccia del Q Shampoo, dove la Q sta per “ku”, una parola islandese che, appunto, vuol dire mucca.

shampoo-i-1

Leggi anche: Non lava i capelli con lo shampoo da 6 anni, ecco perchè!

Lo shampoo è 100% organico, senza ingredienti artificiali o sottoprodotti dannosi ed è realizzato con l’aggiunta di olio di cocco, girasole e altre fragranze che annullano quelle sgradevoli dell’urina di mucca.

Ad ogni modo, se quanto sopra vi può sembrare strano, sappiate che in altri paesi del mondo (l’India) sterco e urina di mucca sono la base per molti prodotti di bellezza ayurvedici. Insomma, bando alle schizzinoserie. O forse no?