Connect with us

Nuovi tagli di capelli 2016 su CapelliStyle.it

Cercasi “coccole” per bambini: vi proporreste come volontari?

Notizie

Cercasi “coccole” per bambini: vi proporreste come volontari?

Un nuovo progetto, anche italiano, cerca di sensibilizzare sulla necessità di erogare affettuose coccole per bambini abbandonati: ecco come funziona!


Mother with newborn baby

Se pensate che le coccole siano un “surplus” al quale un neonato può fare a meno, vi sbagliate di grosso. Secondo quanto rivela ad esempio una recente analisi scientifica a firma del dottor René Spitz, i bambini che vivono in condizione di deprivazione affettiva (cioè, i neonati che non ricevono sufficientemente affetto fin dai primi giorni della loro esistenza) possono andare incontro a danni gravi e irreversibili non solamente dal punto di vista – appunto – affettivo, quanto anche di quello motorio, del linguaggio e dello sviluppo intellettuale.

I risultati della ricerca

coccole-neonato

Per la ricerca, ben il 60% dei bambini “istituzionalizzati” che non ricevono sufficiente affetto e amore prima dei due anni, andrebbero incontro a conseguenze particolarmente significative (fino ad arrivare al decesso) nonostante siano ben alimentati e ricevano le cure igieniche e cliniche indispensabili. Insomma, l’affetto che si può (si deve!) trasmettere ai neonati è tutt’altro che irrilevante. E proprio per questo motivo l’agenzia statunitense Spence – Chapin ha iniziato a lavorare proattivamente su questo aspetto, cercando di reclutare volontari che si rendano disponibili a coccolare neonati abbandonati dalle 2 alle 6 settimane. I volontari non devono far altro che dedicare un pò del loro tempo per poter coccolare questi bimbi, naturalmente dietro apposita formazione e selezione.

bimbo-534188.660x368

La situazione in Italia

Anche in Italia, fortunatamente, qualcosa sembra muoversi in tal senso. Nel nostro Paese l’associazione più celebre che opera sotto tale profilo è la Dharma, che è attiva nel territorio bresciano e che può contare ben 300 volontari. Il loro compito, tutt’altro che “rinunciabile”, è proprio quello di trasmettere il dovuto amore e il necessario affetto a quei bambini che, rimasti soli, devono fronteggiare la prima fase della loro vita con un handicap emotivo che potrebbe condurli in situazioni ancora più difficili nei mesi e negli anni successivi.

massaggi-e-coccole-al-neonato-3789362240[3741]x[1558]780x325

Un incoraggiamento!

Non possiamo dunque che esprimere un concreto apprezzamento nei confronti di queste iniziative, e domandarvi: siete pronti a diventare volontari di coccole per bambini abbandonati? Se la risposta è positiva, potete ottenere le prime informazioni consultando il sito internet della Dharma

Continue Reading
You may also like...

More in Notizie

To Top