NanoPress

Salute e Bellezza

Prurito intimo: sintomi e possibili cause

Se soffri di prurito intimo leggi questo articolo per scoprire cause e rimedi naturali migliori

Prurito intimo

Il prurito intimo è una condizione che può avere tantissime cause. Per comprenderle e per assicurare il massimo della salute alla zona genitale è fondamentale effettuare controlli periodici con il proprio ginecologo, facendosi consigliare anche i prodotti migliori da utilizzare per l’igiene.

Quali sono le cause del prurito vaginale?

Anche se le cause del prurito intimo possono essere tante, in questo novero è possibile distinguere alcune che si presentano con maggior frequenza. Si tratta delle infezioni. In questi casi è possibile parlare soprattutto di candida e di vaginosi di natura batterica.

La prima infezione, che colpisce le zone umide del corpo, quando coinvolge la zona vaginale si manifesta con prurito, perdite torbide, dolore durante la minzione, strane macchie di colore bianco sulla pelle. Nella maggior parte dei casi la cura principale per la candida è la corretta igiene della zona intima, anche se, nelle situazioni più grave, è possibile consultare il proprio ginecologo di fiducia per farsi prescrivere una terapia antibiotica.

Le vaginosi di natura batterica, invece, si possono distinguere per via delle perdite maleodoranti. Le causa possibili del prurito intimo non finiscono certo qui, dal momento che coinvolgono anche la cistite, un’infiammazione della parte esterna della vescica che, oltre a fastidiosi episodi di prurito, provoca soprattutto dolore e bruciore durante la minzione.

Il prurito intimo, che si accompagna spesso a secchezza vaginale, può essere causato anche dalla menopausa.

prurito intimo

Gli altri motivi dietro al prurito intimo

Come abbiamo poco fa ricordato, il prurito intimo è la conseguenza di tantissime situazioni. Solo un’anamnesi accurata può aiutare il medico a capire la situazione e a prescrivere alla paziente la terapia giusta.

Questo significa, per esempio, che se ci si rivolge a un ginecologo perché si soffre di prurito intimo è bene specificare se si ha l’abitudine d’indossare indumenti particolarmente stretti, scelta che può causare prurito in zona vaginale, dovuto in particolare all’irritazione.

Da non sottovalutare è inoltre l’influenza dello stress, soprattutto quando arriva dopo un cambiamento improvviso e drastico.

Rimedi contro il prurito intimo: ecco i migliori

Sconfiggere il prurito intimo è possibile. Prima di tutto bisogna contattare tempestivamente il proprio ginecologo per farsi prescrivere la giusta terapia farmacologica e aiutarsi eventualmente con dei rimedi naturali. Quali sono i più efficaci? Ecco una rassegna delle migliori alternative per chi vuole debellare il prurito vaginale.

  • Aceto di mele: ottimo antifungino, l’aceto di mele può aiutare a sconfiggere il prurito intimo con dei lavaggi. In questo caso è necessario semplicemente diluirlo in una bacinella di acqua tiepida.
  • Basilico: ecco un altro rimedio naturale che si distingue per le sue straordinarie proprietà antifungine. Le foglie di basilico, se utilizzate per la preparazione di un bel decotto, possono aiutare tantissimo a risolvere il problema del prurito intimo. Anche in questo caso ci vogliono pochi minuti per completare la preparazione e il risultato finale può essere aggiunto al lavaggio vaginale quotidiano.
  • Bicarbonato di sodio: utilizzato in tantissimi casi come vera e propria alternativa sostitutiva al classico detergente, il bicarbonato di sodio, se aggiunto al lavaggio vaginale quotidiano, è un vero toccasana contro il prurito intimo.

prurito intimo

Soluzioni naturali contro il prurito vaginale: altri consigli da non perdere

Le soluzioni naturali contro il prurito intimo sono davvero numerose. Il consiglio, come sopra ricordato, è quello di affiancarle a una terapia di natura farmacologica, facendosi consigliare dal ginecologo anche il miglior detergente, che deve essere scelto sulla base del pH.

A questo punto possiamo continuare ad elencare i rimedi più utili contro il prurito intimo.

  • Camomilla: pianta amatissima da chi cerca rimedi naturali efficaci e poco invasivi, la camomilla, sotto forma di olio essenziale, può essere utilizzata per combattere il prurito intimo in quanto fornisce un sollievo praticamente immediato (consigliabile è l’utilizzo durante il lavaggio vaginale serale).
  • Amido di riso: un altro rimedio naturale molto efficace è l’amido di riso, caratterizzato da un ottimo potere lenitivo che consente di apprezzare un sollievo immediato in caso di prurito intimo.
  • Rosmarino: molto utile per alleviare il prurito intimo è anche il rosmarino. Per utilizzarlo nella cura del prurito vaginale è consigliabile preparare un decotto – ci vogliono massimo 15 minuti – e aggiungerlo all’acqua del bidet per il lavaggio vaginale serale.
  • Acqua e sale grosso: rimedio classico ma molto efficace, il mix acqua + sale grosso può alleviare il prurito intimo soprattutto se alla base vi è un’infezione.

Come prevenire il prurito intimo

Il prurito intimo, quando non è causato da sbalzi ormonali dovuti alla gravidanza o alla menopausa, può essere evitato con qualche attenzione preventiva. Qualche esempio? Se si praticano sport come il ciclismo è consigliabile curare la scelta degli indumenti intimi, che non dovrebbero essere troppo stretti (la stessa cosa vale per i pantaloni).

Importantissima è anche la scelta del detergente intimo, che non dovrebbe avere un pH troppo aggressivo.

Prurito intimo maschile: ecco cosa sapere

prurito vaginale

Nei paragrafi precedenti abbiamo parlato di prurito vaginale, ma è chiaro che il sintomo coinvolge anche gli uomini. Cosa fare in caso di prurito intimo maschile? Rispondiamo prima di tutto ricordando che il prurito intimo maschile può interessare l’intera zona genitale o limitarsi ad alcune aree, come per esempio l’inguine e lo scroto.

Le cause, come nel caso del prurito intimo femminile, possono essere molto diverse. Si parla di prurito intimo maschile da infezioni come la candida e i condilomi. Da non mettere in secondo piano è anche l’insorgenza di patologie come la psoriasi e l’eczema, che vedono nel prurito delle zone intime uno dei maggiori sintomi.

Come risolvere la situazione? La prima cosa da fare consiste nell’informarsi sull’igiene intima del partner. Se anche il partner sessuale sta vivendo il medesimo problema è il caso di prenotare una visita con lo specialista per farsi prescrivere, ciascuno sulla base delle proprie esigenze, un presidio che può essere di natura antibiotica o finalizzato a combattere l’irritazione.

Molta attenzione deve essere dedicata anche alla prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili, che in alcuni casi hanno il prurito alle parti intime tra i sintomi e che possono essere evitate utilizzando il condom, fondamentale quando non si ha confidenza con il partner.

 

Previous ArticleNext Article