Connect with us

Nuovi tagli di capelli 2016 su CapelliStyle.it

Shatush capelli: guida alla moderna tecnica di decolorazione!

Guide

Shatush capelli: guida alla moderna tecnica di decolorazione!

Lo shatush è una moderna tecnica di decolorazione dei capelli: ecco tutte le caratteristiche e i suoi vantaggi.


Negli ultimi anni il vocabolario dell’hairlook si è arricchito di un termine che, fino a non troppo tempo fa, era ignoto anche ai più assidui lettori di riviste di settore: lo shatush. Ma cosa è lo shatush? E perchè questa modalità di colorazione dei capelli ha acquisito così tanta importanza, andando a sostituire le precedenti tecniche meno moderne e più vetuste?

Cosa è lo shatush

Cerchiamo di rispondere a queste e ad altre domande con ordine, ricordando che lo shatush si pone come principale e più innovativa alternativa alle meches per quanto concerne la possibilità di applicare riflessi e schiariture naturali alla propria chioma. La nascita dello shatush non è proprio recentissima: negli Stati Uniti si parla di shatush già dagli anni ’60, ma le sorti di questa tecnica di decolorazione sono state abbastanza alterne, con un’accelerazione nel corso degli ultimi 2-3 anni (complice le numerose star che hanno improvvisamente abbracciato la filosofia dello shatush).

shatush

La storia dello shatush

Avete mai pensato a quelle che sono le origini dello shatush? Siamo così abituate a questo tipo di trattamento, che diamo per scontato che sia sempre esistito. In realtà lo shatush è stato inventato molto di recente. Il suo ideatore è stato Aldo Coppola, un vero guru nel mondo dei capelli. Lo stilista è morto nel 2013 all’età di 73 anni. Una morte che è stata a lungo pianta anche da tutti coloro che hanno avuto modo di lavorare con e per lui.

shatush addiction

Lo shatush di Aldo Coppola è nato nel 2001. Solo 16 anni fa. Per molte di voi può sembrare una vita ma, per chi ha qualche annetto in più, non è affatto così! Prima non esisteva questa strepitosa tecnica per tingere i capelli.

Si, che ci crediate o no, lo shatush è nato grazie a un italiano. La fama di questa tecnica però è internazionale. Le principali star di Hollywood lo sfoggiano in diverse occasioni ed è ormai diventato una soluzione pratica e veloce per chi vuole avere i capelli sempre perfetti ma non ha voglia di passar troppo tempo dietro alla ricrescita.

Si perché i capelli sono sfumati nella loro lunghezza, ma con tre gradazioni differenti. Ciò porta ad un risultato completamente naturale.

Come viene fatto lo shatush

Al fine di ricreare il principale benefit derivante dall’applicazione dello shatush (ovvero, la naturalezza della schiaritura), la chioma viene suddivisa in tante sezioni. Successivamente, il decolorante viene applicato su ciocche cotonate, sfumando dalla radice alle punte, in maniera tale che l’applicazione sia più consistente in queste ultime. L’utilità della cotonatura è evidente: solamente attraverso tale approccio sarà infatti possibile ottenere dei riflessi irregolari e, pertanto, dare l’impressione che la schiaritura sia frutto di una lunga esposizione solare, e non delle mani di un bravo parrucchiere.

shatush

Shatush per tutte!

Un mito da sfatare sullo shatush riguarda la possibilità di applicare questa tecnica di decolorazione solo sulle chiome bionde. Niente di più falso: sebbene sia vero che è proprio sulle bionde che nasce lo shatush, e proprio ad esse si rivolge in maniera prevalente, è altrettanto vero che questa tecnica viene oramai utilizzata con successo anche sulle chiome castane e su altri orientamenti cromatici, regalando in ogni caso un contrasto gradevole.

Che colore raggiungere attraverso lo shatush

Uno degli aspetti sui quali le donne fanno la maggiore confusione riguardo allo shatush, è il “colore di destinazione”. Su tale tema occorre innanzitutto ricordare come lo shatush non sia un colore specifico, ma sia solamente una decolorazione che agisce sul pigmento esistente e, pertanto, permette di ottenere un risultato personalizzato sulla base delle singole chiome.

shatush

Se pertanto volete cercare di capire quali saranno i risultati conseguibili con lo shatush, pensate al colore dei vostri capelli dopo una lunga esposizione al sole: la meta sarà esattamente quella (dal rame al biondo a seconda delle chiome). Per quanto ovvio, lo shatush vi permetterà comunque di scegliere quale sia il livello della schiaritura da raggiungere: se volete approcciare a una schiaritura leggera, potete optare per una decolorazione di uno o due toni. Se invece volete osare un pò di più, potete spingersi verso i tre o quattro toni. Le applicazioni avranno una durata proporzionale al numero di toni da scolorare (in linea di massima, tra i 20 e i 30 minuti).

Il nostro consiglio, considerata la natura del trattamento e il rischio di stressare e sfibrare eccessivamente i capelli, è quello di agire per gradi e partire da una decolorazione soft, per poi comprendere se sia il caso di optare per una schiaritura più consistente.

shatush

Shatush fai da te

Fin qui, tutte le principali caratteristiche dello shatush. Ma – vogliamo domandarci in questa seconda parte dello speciale shatush – è possibile realizzare questa tecnica di decolorazione a casa propria, ottenendo un risultato comunque eccellente?

La risposta è certamente positiva, ma per conseguire un risultato che sia soddisfacente, occorre riporre un minimo di cautela e – soprattutto per le prime volte – farsi aiutare da un’amica che possa essere “complice” di questa impresa.

L’ingrediente principale è principalmente uno: un buon prodotto schiarente. In commercio ne trovate diversi (ottimi quelli di Testa Nera): cercate di non lesinare con la spesa, poichè ne va della vostra chioma. Meglio spendere qualcosa in più puntando su quelli qualitativamente migliori, piuttosto che correre il rischio di trovarsi con capelli sfibrati o con una schiaritura non brillante.

shatush

Una volta recuperato il prodotto, dovrete fare in modo di applicare correttamente: se non avete la possibilità di cotonare le ciocche, limitatevi ad applicarlo solo sulle punte. Lo shatush fai da te vi garantirà un effetto ombra davvero invidiabile! Attenzione infine a non lasciare troppo a lungo in applicazione il prodotto schiarente: per regolarvi, potete “controllare” la schiaritura delle punte, e risciacquare abbondantemente non appena vi rendete conto di aver raggiunto la meta ambita.

Prima di risciacquare cercate di spingere il prodotto anche nella parte più superiore dei capelli (diciamo, quella poco sotto le orecchie), lasciando tuttavia in applicazione pochi minuti. In questo modo dovreste riuscire a garantirvi una buona sfumatura con la quale ottenere un risultato definito e naturale. Una volta che avrete avuto cura di sciacquare per bene la chioma, procedete con un lavaggio attraverso uno shampoo delicato, e una successiva piega con la quale darete il movimento preferito alla vostra chioma.

shatush

Shatush, costi e tempi

Abbiamo compreso che lo shatush può essere replicato a casa con un pizzico di attenzione e grande soddisfazione. Ma quanto tempo impiegherebbe il nostro parrucchiere di fiducia per applicare questa tecnica di decolorazione? E a quali costi?

Di norma, l’applicazione dello shatush ha dei tempi che dipendono dal livello di schiaritura, e sono generalmente compresi tra i 20 e i 30 minuti di applicazione (seguiranno risciacqui, shampoo e piega, con i tempi previsti ordinariamente dal vostro parrucchiere). Per quanto attiene invece il costo, il prezzo del solo schiarimento con shatush si aggira intorno agli 80 – 100 euro. Un consiglio: abbiate sempre cura di accertarvi con il vostro parrucchiere sui prodotti effettivamente utilizzati durante la procedura di schiaritura, affinchè siano sempre della massima qualità.

shatush

Lo shatush delle star

Abbiamo già ricordato come siano decine le star di tutto il mondo che hanno affidato le proprie chiome allo shatush, consapevoli degli ottimi risultati conseguibili attraverso questa tecnica di decolorazione. Qualche esempio?

Recentemente lo shatush è stato abbracciato dalla bella e brava Julia Roberts: l’attrice americana si è mostrata con una chioma decolorata sulle punte, con un effetto straordinariamente naturale. È invece un’affezionata dello shatush da lunga data Cameron Diaz mentre, tra le star di casa nostra (o quasi), ne è esemplare di grande promozione la showgirl argentina Belen Rodriguez.

Opinioni sullo shatush

Chiudiamo questo nostro approfondimento sullo shatush con un commento personale su questa tecnica di decolorazione. Fondamentalmente, l’opinione che si può trarre dello shatush è sicuramente positiva, rappresentando una tecnica di decolorazione efficace, molto naturale, e ben più valida delle tradizionali meches. Tenete tuttavia in considerazione che lo shatush non è l’unica tecnica di decolorazione a vostra disposizione: il nostro consiglio è pertanto quello di parlare con il vostro parrucchiere di fiducia, apertamente, degli obiettivi che volete raggiungere. È molto probabile che insieme, in tempi molto brevi, possiate individuare il metodo migliore!

Sono incinta, posso fare lo shatush?

La donna incinta non può fare la tinta. Questo è risaputo. Nessun trattamento invasivo deve essere fatto sopra e fuori la testa in questo periodo tanto sensibile, dove nel ventre si sta formando una nuova vita. Sono tante le donne però che cercano ugualmente di curare il più possibile il proprio aspetto, magari ricorrendo a trattamenti non invasivi. Viene naturale a questo punto chiedersi se lo shatush va bene in gravidanza. Tirate un sospiro di sollievo future mamme, perché questo trattamento fa davvero l’eccezione! Non c’è il contatto diretto tra il prodotto e il cuoio capelluto. Ricordatevi però di evitare di respirare l’odore delle tinte, utilizzando le apposite mascherine.

Differenze tra lo shatush e il balayage

Per concludere il nostro articolo, vogliamo approfondire una questione. E cioè quali sono le differenze tra lo shatush e il balayage. Purtroppo infatti, essendoci delle similitudini, è facile anche confonderli. Entrambe sono infatti tecniche che hanno come trattamento di base la decolorazione dei capelli, solo sulle lunghezze e le punte. I capelli vengono così schiariti di alcune tonalità per regalare una effetto naturale, come se fossero schiariti grazie al sole. Di grande tendenza d’estate ma anche d’inverno, si addicono comunque ad una carnagione almeno un po’ abbronzata.

Si, l’effetto finale è davvero lo stesso. Ciò che cambia è invece il modo in cui sono applicate queste decolorazioni. Da una parte c’è lo shatush, che come abbiamo visto fino a questo momento, si ottiene grazie alla preventiva cotonatura dei capelli. Sulle lunghezze viene poi applicato il prodotto schiarente.

Il balayge invece, viene applicato nella variante “a stella”. La chioma “subisce” una suddivisione più o meno precisa in cinque ciocche (il numero delle punte di una stella!). Sulle lunghezze vengono fatte delle striature di decolorante con un pennello. Queste vengono schiarite di alcune tonalità ottenendo un effetto davvero naturale. L’effetto è molto più irregolare e per questo, naturale.

Ultima cosa in comune è questa. Non dovete sottoporvi troppo frequentemente al trattamento. Sono pur sempre stressanti per la chioma e perciò è bene attendere diversi mesi prima di effettuarli di nuovo. Nel frattempo, non dimenticatevi di applicare qualche crema nutriente!

Shatush addiction: riflessi molto più naturali

shatush

Beh, per noi ci intendiamo di acconciature e tinture è molto semplice: sono tutte vittime della nuova malattia che corre per i parrucchieri e gli hair styilist, lo shatush addiction!

Shatush addiction: cos’è?

E’ il must dell’attuale trend per le colorazioni dei capelli, al bando le vecchie meches: con lo shatush addiction le vostre chiome avranno schiariture e riflessi molto più naturali.shatush addiction

Shatush addiction: come si ottiene e quando nasce

E’ una metodologia che nasce negli anni sessanta dagli hair stylist di New York e di Hollywood, e che alcuni anni fa ha avuto un rilancio da parte del famoso stilista dei capelli Aldo Coppola. Lo shatush addiction è una tipologia di schiaritura dagli effetti graduali non troppo definiti, applicata solo sulle estremità dei capelli: si ottiene con una destrutturazione del colore e la sua sfumatura affinchè esso possa apparire quanto più morbido e naturale possibile.shatush addiction

Shatush addiction: come si realizzashatush addiction

Al fine di ottenere un perfetto shatush addiction la chioma la si suddivide in sezioni e la sostanza che decolora va applicata solo su delle ciocche che abbiano sostenuto un rigoroso procedimento di cotonatura, partendo da un effetto molto più sfumato verso la radice, intensificandolo a mano a mano che ci si avvicina alla punta del capello.

shatush addictionQuello che fa la differenza tra uno shatush addiction ben fatto e gli altri è proprio la cotonatura: se perfettamente eseguita da ai riflessi una distribuzione irregolare, quindi con un’apparenza meno netta, come se la chioma fosse stata schiarita in modo naturale dai raggi del sole. Tempo addietro lo shatush addiction lo si riservava solo alle donne dalla chioma bionda in quanto così il risultato appariva sempre molto naturale. Più di recente però se ne è avuta una richiesta di tali proporzioni che si è conseguentemente sviluppata una tecnica che ha permesso anche alle donne dai capelli castani di avere quell’effetto, radici chiare e zone di crescita più scure, che una volta si considerava assolutamente poco elegante se non addirittura sciatto.shatush addiction

Cosa devo sapere prima di farmi fare uno shatush addiction?

Occorre ricordare che lo shatush addiction non è una colorazione specifica, quindi non si può optare per una specifica sfumatura, ma le sostanze agiranno sui capelli a seconda del pigmento base che è presente sugli stessi. Se i vostri capelli sono scuri e, esposti al sole, hanno dei riflessi color rame, ecco che lo shatush addiction metterà in risalto proprio queste sfumature ramate, se invece avete i capelli color della cenere, lo shatush addiction avrà le sfumature del biondo.shatush addiction

Grazie a questa metodologia si potranno schiarire i capelli a partire da uno fino a tre toni con un trattamento di ¼ d’ora, o, al massimo, di quattro toni estendendo il trattamento fino a ½ ora. Il nostro consiglio è comunque di effettuare schiariture graduali perché altrimenti i capelli si indeboliscono e si sfibrano troppo.

Lo shatush addiction: i vantaggishatush addiction

Il primo dei vantaggi dello shatush addiction rispetto agli altri metodi di schiaritura è proprio la naturalezza dell’effetto finale, quindi non richiede ulteriori ritocchi e, contrariamente a quanto accade con i colpi di sole, non si ha il brutto e antipatico problema della ricrescita.

Non vi è controindicazione alcuna per nessun tipo di capelli all’applicazione dello shatush addiction, l’unica cosa da tenere sempre bene a mente è che è indispensabile l’utilizzo di prodotti di elevatissima qualità, sia che il trattamento avvenga nella propria casa, sia che avvenga in un salone di uno hair stylist.

Shatush di Jessica Alba, 10 foto per prendere spunto!

jessica_alba

Tra le persone che non riescono più fare a mente dello shatush, possiamo ora annoverare Jessica Alba. La bella attrice è infatti una delle addicted dallo shatush e, stando a quanto figura dalle ultime apparizioni, non paiono esserci dubbi: Jessica Alba non può più rinunciare allo shatush!

A darne conferma era il magazine Style, edito da Conde Nast, secondo cui “tra i volti noti che spesso sfoggiano chiome luminose mostrando gli effetti di perfetti shatush c’è quello di Jessica Alba. L’attrice è una delle tante celeb che non vogliono rinunciare all’effetto luce naturale sui propri capelli. Da qualche anno a questa parte sembra aver donato alla sua chioma perfetti punti luce che mettono ancora più in risalto il suo bel viso mantenendo sempre la sua base nocciola. Il giusto effetto per avere un po’ di sole (almeno in testa) tutto l’anno”.

shatush

Lo shatush è infatti uno stile di colorazione (o decolorazione, a seconda delle interpretazioni) straordinariamente efficace, in grado di regalare dei capelli “baciati dal sole” in qualsiasi momento dell’anno. Il tutto, con un aspetto estremamente naturale, che renderà – nell’immaginario collettivo – l’impressione che i vostri capelli siano stati a lungo esposti al solo. Un effetto schiaritura che può illuminare le chiome di qualsiasi donna in maniera naturale, e che è oramai facilmente replicabile in qualsiasi salone di bellezza. Stando a quanto precisava ancora lo stesso magazine, lo shatush è uno dei trattamenti più richiesti per i capelli, nonostante sia stato introdotto da pochi anni all’interno del mercato italiano. Oltre alle star, anche i comuni mortali possono oggi ottenere un ottimo shatush regalandosi un effetto di luce in più: sarà sufficiente recarsi dal vostro parrucchiere di fiducia ed esprimere il desiderio di poter abbracciare questa modalità di decolorazione!

shatush6

Per quanto concerne i nostri consigli, ricordate che lo shatush può essere facilmente applicato su qualsiasi tipo di colore, ma riesce a dare il proprio meglio sui capelli color castano. Ricordate inoltre che lo shatush si applica in modo migliore soprattutto sui capelli medi o lunghi, ma non è comunque escluso che possa adattarsi anche ai capelli corti: l’importante è che la schiaritura non inizia prima dell’altezza delle orecchie, poichè in questo caso l’effetto sarebbe a dir poco controproducente!

capelli-luminosi-di-jessica-alba

hair-style-di-jessica-alba

Tommy Hilfiger LA Flagship Opening - Arrivals

jessica-alba-fashion

jessica-alba-hair-5-904924_H131949_L

jessica-alba-ombre-hair

jessica-alba

Jessica-Alba-sex-symbol-lancia-l-effetto-shatush_su_vertical_dyn

jessicalba

shatush-capelli-jessica-alba

More in Guide

To Top