Acconciature

Ecco dove vivono le donne con i capelli più lunghi

Non tutti sanno che in un villaggio cinese vivono le donne con i capelli più lunghi al mondo. Ma perché si è formata questa tendenza?

villaggio cinese di Huangluo

Vi siete mai chiesti dove vivano le donne con i capelli più lunghi? La risposta è sicuramente unica: il villaggio cinese di Huangluo, un paese dove le donne hanno i capelli lunghi, molto lunghi, e dietro la cui caratteristica si cela una simbologia molto particolare, che ha arricchito le varie acconciature di tanti significati che sono stati approfonditi e sviscerati a lungo.

Ma per quale motivo a Huangluo le donne non si tagliano (o quasi) i capelli? Quale è il mistero che si cela dietro questo particolare villaggio cinese?

Red Yao

Per poter scoprire quali siano le caratteristiche di questa particolare abitudine, è inizialmente necessario ricordare che a Huangluo si trovano le Red Yao, così chiamate per via dei loro tipici abiti rossi, e in grado di rappresentare una minoranza etnica del paese cinese di cui oggi parliamo, da tempo entrato nei libri dei Guinness dei primati in qualità di villaggio con le donne dai capelli più lunghi del mondo.

Per queste donne, infatti, i capelli rappresentano un bene prezioso e, probabilmente, anche il bene più prezioso che anno. Tanto che una volta compiuti i 18 anni le donne appartenenti a questa minoranza etnica scelgono di non tagliarsi più i capelli, con la conseguenza che nel corso della loro vita la lunghezza dei capelli andrà a superare anche i due metri.

Perché le donne non si tagliano i capelli

Come abbiamo già rammentato nel corso delle righe precedenti, per le donne appartenenti a questa categoria etnica i capelli sono il bene più prezioso in assoluto, e vengono addirittura considerati sacri.

In particolare, la tradizione locale vuole che ogni donna possa tagliare i propri capelli solamente una volta nella propria vita, non appena vengono compiuti i 18 anni. In quel momento, la giovane donna che avrà subito il taglio dei capelli andrà a consegnare la chioma alla propria nonna, che a sua volta li conserverà in attesa del suo matrimonio: in quel giorno le verranno infatti restituiti legandoli tipo extension a quelli ricresciuti, e creando dunque un effetto simbolico davvero profondo.

In aggiunta a quanto sopra, la lunga chioma delle Red Yao ha un altro importante senso. La sua simbologia è infatti ricollegata a un elemento molto particolare, visto e considerato che le diverse pettinature possono indicare se la donna è sposata oppure se ha o meno dei figli.

Per esempio, se una donna nasconde i capelli sotto una sciarpa, vuol dire che la donna è in cerca di un marito: proprio il marito è – almeno teoricamente – l’unico che avrebbe diritto a vederli.

Ad ogni modo, non è questa l’unica caratteristica particolare che interessa tutte le donne appartenenti a questa minoranza etnica. Di fatti, oltre ad essere particolarmente lunghi, i capelli di queste donne hanno altresì un aspetto brillante e forte sino alle età più avanzate, e non ne mostrano nemmeno uno bianco senza ricorrere a specifiche colorazioni.

Anche in questo caso, però, il segreto è stato svelato, o almeno si pensa che sia così: il “trucco” di una simile bellezza e longevità del colore del capello è infatti residente in un particolare tipo di shampoo a base di acqua di riso fermentato, con il quale le donne appartenenti a questa minoranza etnica si lavano una volta alla settimana.

Insomma, nessun mistero a Huangluo, ma solamente una grandissima attenzione nei confronti dei capelli, che qui per la popolazione femminile viene considerato un elemento sacro e preziosissimo, oltre che – come abbiamo visto – dall’utilizzo piuttosto pragmatico, visto e considerato che può essere utilizzato come “segnale” che può indicare alle altre persone la propria condizione di nubilato, o la presenza di prole.

Di interesse risulta altresì comprendere la particolare “tecnica” con la quale pare che queste donne riescano a conferire una straordinaria longevità alla propria chioma. Anche se qualcuno non sembra fidarsi di questo spunto, pare infatti che l’unico elemento con cui le donne appartenenti a tale minoranza etnica hanno l’abitudine di lavarsi i capelli è infatti il particolare shampoo a base di acqua di riso fermentato, utile per poter preservare la bellezza dei capelli tipica del periodo giovanile.

E voi che ne pensate? Conoscevate la storia delle donne di Huangluo?

Previous ArticleNext Article