Gianna Nannini: Biografia, foto e carriera

Gianna Nannini inizia la sua carriera di cantautrice e musicista in giovane età. A soli vent’anni incide il suo primo disco, più precisamente nel 1976.

Il titolo è semplicemente “Gianna Nannini”. Oggi è considerata una delle cantautrici più amate dagli italiani ed ha una carriera alle spalle davvero eccellente. Ma chi è Gianna Nannini? La storia della cantante tra lavoro e vita privata.

Gianna Nannini è toscana, nasce a Siena nel 1954. Compie gli anni il 14 giugno ed è dei gemelli. Ha due fratelli. Il minore è un ex pilota di Formula 1, Alessandro Nannini. Il fratello maggiore, Guido, ha lavorato nell’alta moda e dopo nell’industria di famiglia. Suo padre, Danilo, era un industriale docliario.

In gioventù anche Gianna Nannini ha lavorato nell’impresa di famiglia e in quel periodo ebbe l’incidente che le costò due falangi della mano sinistra. Fu l’ingranaggio di una macchina la causa. In quel periodo frequentava anche il liceo scientifico e studia pianoforte al Conservatorio Luici Boccherini. Lascia il conservatorio all’ottavo anno, poco prima di fare l’esame finale. L’anno successivo, nel 1975, decide di trasferirsi a Milano. Gianna Nannini iniziò a rifiutare alcuni contratti, come quello dell’Ariston, perché la voleva rendere una cantante nella quale non si rispecchiava. Ecco che la notano Mara Maionchi e Claudio Fabi, che la affiancano a Gino Mescoli diventando così la voce femminile dei Flora Fauna Cemento.

Si appassiona di chitarra ma come autodidatta, preferendo il genere punk. Studia anche composizione con Bruno Bettinelli. Nello stesso anno conclude il contratto con l’etichetta Ricordi. Gianna riesce a pubblicare l’anno successivo il suo album Gianna Nannini, all’età di vent’anni. Negli anni ’78 e ’79 pubblica due nuovi album e fu California (1979) a rappresentare per lei un cambio di rotta, dirigendosi verso il rock. Al suo interno vi era la canzone che ancora oggi la segue, America. La portò nelle vette delle classifiche. Molto incisiva anche l’immagine del disco, la statua della libertà con in mano un vibratore a stelle e strisce. Nel 1983 viene contattata da Gabriele Salvatores per recitare nel film Sogno di una notte d’estate e gli offre la parte di Titania. La Nannini prende parte anche alla colonna sonora del film.

Il seso disco “Puzzle” la rende nota anche fuori dai confini nazionali. Si accaparra le prime posizioni in Svizzera, Germania e Austria. Diverse sue canzoni si sono già meritate importanti premi. Come due dischi d’oro in Svizzera per Latin Lover e Puzzle. Vince il Festivalbar con Fotoromanza, dichiarato il miglior testo dell’anno.

La sua conquista europea continua. Ad Amburgo canta con Sting e Jack Bruce. Era il 1 maggio 1987. Ma è stato l’album Profumo a confermarsi come il più grande successo della Nannini, meritandosi un doppio disco di platino in Italia, Svizzera e Austria. La Germania invece le conferisce un disco d’oro. Canzone di punta del disco è stata “Bello e impossibile”.

Duetta con Edoardo Bennato su una musica di Giorgio Moroder, scrivendo Un’estate italiana. Diventata sigla anche dei Mondiali di calcio italiani degli anni ’90. Nello stesso anno registra a Londa il disco “Scandalo” e inizia un lungo tour che la vede negli stadi di Vienna, Berlino e Amurgo.

La carriera di Gianna Nannini continua a scalare importanti vette ma parallelamente, mentre prepara nel 1994 l’album Dispetto, termina i suoi studi in filosofia. Molto attiva anche a livello ambientale, è protagonista nel ’95 di un gesto di protesta. A Roma si arrampica sopra un balcone di Palazzo Farnese, la sede dell’ambasciata francese, per protestare grazie a un concerto improvvisato la volontà da parte del governo francese di fare ancora esperimenti nucleari a Mururoa. In questo atollo la Francia effettuò tra il 1966 e il 1996 ben 138 esperimenti nucleari, all’interno del vulcano ormai spento e lentamente sommerso dalle acque.

Nel 1995 esce Dispetto con dentro il singolo Meravigliosa Creatura, che ha riscosso un grande e meritato successo. Sicuramente molto meritato in grande successo del 2002, ottenuto con Aria. L’album è stato scritto, per quanto riguarda i testi, con Isabella Santacroce. Dopo 16 anni la Nannini torna prima in classifica grazie al suo album, Grazie (febbraio 2006). A fine anno ha venduto ben 400.000 copie. Al suo interno il brano Sei nell’anima. Vince anche il premio Miglior album dell’anno.

Nel 2008 vince il Festival di Sanremo 2008 con Colpo di fulmine ma viene poi accusata di plagio perché il ritornello ricorda la melodia scritta nel 2006 per il brano Dreaming di Umberto D’Auria. L’uomo sostiene di averlo infatti pubblicato sul proprio Myspace, ma non è mai stato constatato se si trattasse di somiglianza o plagio.

Importante traguardo privato nel 2010 per Gianna Nannini. All’età di 56 rende pubblica la sua gravidanza. Cosa che ha portato a numerosi dibattiti sul discorso di avere figli o meno in età avanzata. La Nannini replica a chi gli punta contro il dito, grazie a un’intervista a Tv Sorrisi e Canzoni. Dice: “ All’improvviso tutti si sono dimenticati della libertà e del diritto che ha ciascuno di noi di fare quello che vuole, quando e con chi vuole”. Annuncia che sia figlia si chiamerà Penelope, la quale nasce il 26 novembre 2010 a Milano.

Il 29 aprile 2011 parte con il Io e te Tour, effettuando 24 tappe in Italia e altre 14 in diversi paesi europei. L’anno successivo non si esibisce, passa le giornate con la figlia e a scrivere il nuovo album. Riceve nello stesso anno il Premio Elsa Morante. Nel 2013 riceve il premio “Parole della Musica”.