Giulia Ottonello: il successo da Amici al teatro

Primi passi di Giulia Ottonello

Giulia Ottonello (30 luglio 1984) mostra sin da piccola una predisposizione allo spettacolo, a tre anni studia danza classica e poi studia canto, con la madre cantante lirica Laura Cappelluccio. A 13 anni canta in una manifestazione a Genova, crescendo continua i suoi studi di canto, sperimentando diversi generi, e di danza.

L’esperienza di Amici

Giulia Ottonello è conosciuta da tutti come la vincitrice dell’edizione 2003, la seconda, di “Amicidi Maria de Filippi, che allora si chiamava ancora “Saranno Famosi” battendo in ultimo la ballerina di danza classica Anbeta Toromani, di origini albanesi, che è diventata poi membro del cast dei ballerini professionisti del programma Tv, per circa un decennio. Come capita molto spesso tuttavia non necessariamente partecipare oppure vincere un talent show porta al successo e alla fama, a volte la strada porta totalmente altrove.

I ragazzi del programma Amici sono moltissimi, di conseguenza probabilmente è anche normale che non ci sia posto per tutti sotto ai riflettori, quindi la scomparsa di certi volti c’è anche da aspettarsela. Chi ha talento comunque in qualche modo resta, è questo il caso di Giulia Ottonello, anche se non la troviamo più sul piccolo schermo, ma in teatro: questo significa popolarità in piccolo in un certo senso. Come ella stessa dichiara è ricordata dai più come Giulia di Amici. Partecipa a diverse trasmissioni tv, come Buona domenica, Maurizio Costanzo Show e al tour di Gigi D’Alessio duettando anche con Gloria Gaynor.

Il talento della genovese Giulia Ottonello è evidente in diverse arti dello spettacolo: spiccano le sue doti canore, quelle di danza, ma anche quelle di recitazione. A quei tempi i partecipanti al programma dovevano dilettarsi in tutte le materie, per questo era più complicato spiccare, ma Giulia si distinse. La vincita al talent aveva attribuito alla Ottonello un contratto per cinque album con la casa discografica Sugar sotto la supervisione di Caterina Caselli, tuttavia dopo un primo pezzo, nel 2004, dal titolo “Spezzami il cuore”, la collaborazione venne interrotta. La tv per la artista è soltanto un vecchio carissimo ricordo. Resta lo spazio per qualche collaborazione occasionale nel mondo della musica, con gli Aeroplanitaliani e con i Nomadi e poi dal 2007 con i GnuQuartet.

Sbarco sul palco in teatro

Se il piccolo schermo non ha lasciato spazio a Giulia Ottonello, è stata caldamente accolta dal mondo del teatro. La sua carriera teatrale inizia nella stagione 2004-2005 con “Cantando sotto la pioggia” e prosegue sino a “Cats” del 2009-2010, a “Frankenstein Junior” del 2012, al “Cabaret” della Compagnia della Rancia del 2016. La carriera di Giulia Ottonello quindi ormai dura da 13 anni e per questo finalmente ha raggiunto la giusta fama, dovuta alle sue capacità e alla sua determinazione nel continuare a imparare qualcosa di nuovo ad ogni esperienza. Giulia Ottonello balla, canta, recita con maestria, per questo ricopre anche ruoli importanti sul palcoscenico, nell’ultima sua rappresentazione per esempio, “Cabaret”, interpreta la grande Liza Minelli. Da Amici al teatro ne è passata di acqua sotto ai ponti, tuttavia il successo è in qualche modo rimasto e Giulia è ancora sulla cresta dell’onda.

Vita privata di Giulia Ottonello

Giulia Ottonello racconta della sua esperienza con la Sugar, spiegando che dopo il singolo inciso, Caterina Caselli, augurandole buona fortuna chiuse la collaborazione poiché “non sapeva che cosa farle fare”. Questa “messa alla porta” non è stata vissuta da Giulia in modo sereno, sono questi gli anni neri per la allora cantante. Dopo la Caselli non riceve nessuna proposta e non riesce nemmeno a partecipare al Festival di Sanremo, nonostante ci avesse provato per 5 volte.

Dopo una terapia psicologica Giulia capisce che è autrice ella stessa del proprio destino e che nella vita artistica è normale vi siano alti e bassi. Allo stesso modo accade nella vita privata. Nel 2011 infatti si sposa, ma la felicità matrimoniale termina già dopo un paio di anni. La speranza tuttavia è l’ultima a morire, quindi Giulia Ottonello, come tante altre, attende l’arrivo del principe azzurro, per mettere su famiglia. Oggi Giulia prende la vita con filosofia e si impegna sul palco del teatro, ha anche partecipato al film di Paolo Ruffini “Fuga di cervelli”, è in pace con sé stessa e con la natura, per questo si è sentita di darsi alla dieta vegana. Ha un cane, di nome Groovo, e tanti amici.

Patrizia Vacondio: la musa ispiratrice di Nek

50 tagli di capelli lunghi molto romantici per il 2017