Arriva il freddo, occhio ai riscaldamenti: possono rovinare i capelli

I sistemi di riscaldamento domestico possono rovinare i capelli: ecco qualche accortezza utile!

capelli rovinati capelli-rovinati

Il freddo è arrivato da tempo e, con esso, anche l’abitudine di cercare un clima domestico confortevole attraverso l’utilizzo degli impianti di riscaldamento. Ebbene, anche se d’inverno è molto piacevole tornare a casa e trovare un ambiente bello caldo, è opportuno cercare di riflettere sulle temperature “giuste” dei nostri termosifoni, affinchè non siano troppo elevate: un clima tropicale d’inverno, ottenuto artificiosamente e artificialmente, può infatti compromettere la salute dei nostri capelli.

Di fatti, se nella stagione fredda la vostra pelle è secca, è opaca o giallastra, e sei i vostri capelli appaiono sfibrati, la colpa potrebbe essere dei riscaldamenti e, in particolar modo, della cattiva abitudine di impostare la temperatura sopra i 23 gradi.

Leggi anche: Come curare i capelli secchi

I primi segnali di un simile scenario si avvertono sulle labbra. Se notate che le vostre sono screpolate e si rompono con facilità ai lati, è possibile che stiate subendo degli sbalzi termici tra interno ed esterno delle case, in maniera fin troppo sensibile. In tali ipotesi, cercate di resistere alla tentazione di far schizzare troppo verso l’alto il termostato, ed evitate naturalmente di passarci sopra la lingua, poiché peggiorerete la situazione (meglio invece optare per un po’ di burro cacao).

cura capelli cura-capelli

Un’altra parte del corpo che soffre gli sbalzi di temperatura invernali sono le mani, un’area molto esposta al freddo. Non mettete le mani gelide sui termosifoni caldi, poiché riscaldare la pelle troppo in fretta la condurrà ad avvertire geloni e altri dolori.

Così come le mani, anche il viso è un’altra zona molto esposta al rischio di temperature troppo alte e umidità tropo bassa. Pertanto, la pelle del viso si seccherà facilmente, andando incontro a piccole infezioni. A proposito di volto, fate attenzione ai vostri occhi, che a causa della secchezza degli ambienti possono iniziare a lacrimare con facilità, generare prurito e arrossamenti. Utilizzare le lenti a contatto può aggravare la situazione. Un sollievo potrà essere avvertito utilizzando semplici rimedi naturali come gli impacchi di camomilla da ripetere anche più volte all’interno della stessa giornata.

capelli-rovinati-che-fare capelli-rovinati-che-fare

Leggi anche: 20 motivi per cui perdete i capelli

Il consiglio generale in tal proposito è naturalmente quello di regolare il termostato del proprio riscaldamento a una temperatura di 20 gradi (naturalmente, in caso di riscaldamento condominiale e centralizzato dovreste cercare un accordo con tutti i condomini). Cercate inoltre di posizionare appositi umidificatori nei termosifoni affinchè l’aria non sia troppo secca: nel caso in cui non ne abbiate a disposizione, sarà sufficiente riporre degli specifici contenitori resistenti al calore (ad esempio, in ceramica) con dentro dell’acqua. Vaporizzandosi l’acqua renderà più umido l’ambiente, esponendovi di meno al rischio di secchezza.