NanoPress

Tendenze

Effetto wet, ecco perché è un trend al top nell’estate 2015! [FOTOGALLERY]

Un trend al top per l’estate 2015: l’effetto bagnato e la declinazione sea-salt. Cerchiamo di saperne di più!

Effetto wet

Dei capelli con effetto bagnato abbiamo parlato più volte su queste pagine, presentandoli – doverosamente – come uno dei trend al top per l’estate 2015 e non solo. Ebbene, recentemente abbiamo avuto modo di confortare queste riflessioni sulla base delle considerazioni effettuate da Stefano Milani, direttore artistico Mitù e partner Wella, che intervistato da Vanity Fair si è ben espresso sull’effetto wet.

Leggi anche: Accessori capelli 2015, le nuove tendenze per i prossimi mesi

Visti in città sono bellissimi e molto glamour” – ha dichiarato Milano con riferimento ai capelli lunghi con effetto wet – “Basta modificare qualche dettaglio: volumi più o meno “up” e wild con uno styling spettinato sempre in movimento e asciugato naturale in vacanza; più morbido con onde più definite e texturizzate nella vita di tutti i giorni o per eventi eleganti”.

Naturalmente, come sempre accade, il merito di questo successo non può che andare alle tantissime sfilate di moda nelle quali i capelli con effetto bagnato hanno trovato spazio sulle chiome delle modelle più in vista. Ma non solo. Sono tantissime, infatti, anche le star musicali e del cinema che hanno avuto modo di indossare con piacere i wet look.

Leggi anche: Capelli effetto bagnato per l’estate

effetto-bagnato1

Attenzione infine a non confondere l’effetto wet con i sea-salt. Anche in questo caso è Milani a darci una mano, cercando di spiegare cosa differenzi i due stili: “ci troviamo di fronte a due finish e due risultati diversi.

Da una parte chiome “da sirena” ad effetto bagnato e lucente; dall’altra chiome più naturali e “ribelli” come mosse e increspate dal vento e dai tuffi in mare. Il mood wet, si ottiene utilizzando gel, cere e oli, pettinando i capelli aderenti alla testa con un risultato “total sleek”, liscio perfetto o al massimo reso scenografico con onde piatte, grafiche e modellate” – afferma il direttore – “Quello “Sea Salt”, invece, si realizza con mousse o spray all’acqua salata che texturizzano il capello ispessendone la fibra e creano un finish ondulato e voluminoso come dopo una giornata sulla spiaggia, con un risultato più naturale, selvaggio ed opaco, proprio come quello lasciato dalla salsedine”.

Qui c’è l’intervista completa su Vanity Fair. E voi che ne pensate? Vi piace l’effetto bagnato?

Previous ArticleNext Article
Informazioni biografiche