NanoPress

Capelli corti

Pixie cut, 50 nuovi stili in vista del mese di giugno!

Nuovi stili di pixie cut da valutare in vista del prossimo mese di giugno: riuscirete a trovare il vostro nuovo stile preferito?

1 di 51

Giugno si sta avvicinando e, con esso, anche l’ufficiale ingresso della nuova stagione estiva. E quale migliore occasione di accogliere l’estate con un bel pixie cut rinnovato in ottica moderna? Cerchiamo allora di occuparci, ancora una volta, di uno stile del quale abbiamo parlato tantissime volte negli ultimi mesi, e che siamo certi potrà rappresentare una privilegiata alternativa per la vostra voglia di restyling!

Pixie cut, tante scelte per il successo del vostro look

Quando si parla di pixie cut non si deve intendere un unico look. Il pixie cut è infatti un gruppo di stili e di capigliature accomunate dalla lunghezza abbastanza corta della chioma, ma diversamente “organizzabili” in termini di simmetrie, spensieratezza, geometrie, rigore e tanto altro ancora. Insomma, l’importante non è solamente accorciare la chioma, bensì anche scegliere il giusto taglio pixie per i propri gusti e per le proprie caratteristiche visive, proporzionando volumi e linee!

Pixie cut, un’arma a doppio taglio?

Quando ci si taglia i capelli, si ha sempre un pò di apprensione per il risultato che verrà. Ebbene, tale apprensione dovrebbe essere amplificata nei confronti del pixie cut, visto e considerato che questo stile di capelli è sì in grado di esaltare i vostri punti di forza ma, impietosamente, sottolineare anche qualche difettuccio estetico. Pertanto, pensateci bene prima di tagliare indiscrimatamente: qualche piccolo trucco del vostro parrucchiere, abbinato al pixie cut, potrà salvarvi da autogol di stile…

Pixie cut, preparatevi a un nuovo appuntamento dal parrucchiere!

pixiecut

Quando andate dal parrucchiere a domandare la predisposizione di un bello stile di capelli in tema di pixie cut, ricordate sempre di prenotare un successivo appuntamento! Per poter dare e ottenere sempre il massimo dal pixie cut, infatti, è fondamentale cercare di revisionarlo almeno una volta al mese. La crescita dei capelli nel pixie cut si farà infatti sentire maggiormente, andando a rovinare le geometrie che avevate originariamente fatto costruire al vostro parrucchiere di maggiore fiducia.

Ebbene, quando dall’inizio dell’anno sono oramai trascorse un numero sufficiente di settimane per saperne di più, possiamo certamente realizzare che tale previsione si è rivelata pienamente vincente. Il pixie cut è infatti uno dei trend più in voga degli ultimi tempi, e sarà così per tutto il prossimo futuro a breve termine, candidando dunque questo taglio piuttosto “fresco” ad essere una delle reginette della prossima estate.

La storia del pixie cut ci porta ben lontano nel tempo. Basta d’altronde ricordare le abitudini di Audrey Hepbrun, o quelle di Mie Farrow, per cercare di comprendere quanto sia stata longeva la vicenda intorno al pixie cut. Un taglio e un’acconciatura che sembra resistere alla prova del tempo, e che può pertanto ricondursi con una buona persistenza e longevità, contagiando e conquistando delle donne di primissimo piano come Halle Berry e Michelle Williams, Anne Hathaway e Carey Mullingan, e non solo.

Ma come individuare il giusto pixie cut per qualsiasi viso? Come spesso accade, su Vogue Italia è Salvo Filetti, hair designer per Compagnia della Bellezza, a offrire qualche validissimo spunto. Nel caso ad esempio in cui il viso sia lungo, “il taglio non deve essere troppo aderente alla testa, ma più ‘leggero’, quasi spettinato ai lati e sulla nuca. Le stesse regole valgono se il mento è appuntito”. Se invece il viso è quadrato, “fate attenzione: il volume deve essere concentrato sulla parte alta della testa con ciocche che ‘sfuggono’ dal taglio lateralmente”.

E per i visi tondi? Anche in questo caso Filetti non ha dubbi: “bisogna creare delle geometrie, per esempio con una basetta grafica dall’allure retro. In più il taglio deve essere cortissimo lateralmente così da ‘alzare’ lo zigomo e donare più volume al volto”.

Stabilito ciò, è bene ricordare che il pixie cut non è un taglio “immortale”. L’importante sarebbe ritornare a rinfrescare il look almeno una volta ogni 30-40 giorni, visto e considerato che se trascorre più tempo le geometrie faticosamente costruite perderebbero di significato. Per chi ha i capelli ricci, conclude invece Filetti, “nel caso in cui i ricci fossero definiti, la risposta è sì. Non solo: un taglio così corto può essere la soluzione ideale per combattere l’effetto crespo. Lo consiglio anche se i capelli sono molto fini perché dona volume naturale”.

Detto ciò, confrontatevi apertamente con il vostro parrucchiere. Il pixie cut è infatti un taglio particolarmente adatto a mettere in risalto i pregi ma, in alcuni casi, anche i difetti. Pertanto occorrerà stabilire con il vostro hairstyle di fiducia il giusto volume da applicare al pixie cut, cercando di creare quell’equilibrio perfetto che separerà l’autogol da un clamoroso successo.

Pertanto, nella speranza che questo non vi scoraggi, ricordate che il pixie cut è uno stile di capelli che richiede molta più manutenzione rispetto a un altro stile di capelli più lungo o medio. Chiaramente, è un piccolo sacrificio da sopportare per avere uno stile di capelli straordinariamente affascinante e seducente: l’ideale per poter esaltare la vostra personalità, e prepararvi come si deve alla nuova stagione di successi!

1 di 51

Previous ArticleNext Article
Informazioni biografiche