Tutte le donne sanno molto bene che i bigodini sono uno strumento molto utile per poter donare il giusto volume ai propri capelli, e regalare un dinamismo e un movimento davvero formidabile. Caratterizzati da un’evoluzione graduale, che dagli anni ’50 ad oggi li ha condotti a un cambiamento più che radicale, il bigodino è tornato di moda negli ultimi anni con una versione completamente rinnovata. Ma quali sono i bigodini moderni? E cosa si intende per bigodini flessibili?

Cosa sono i bigodini flessibili

I bigodini flessibili sono dei piccoli bastoncini circolari flessibili, di diverso diametro, su cui arrotolare le ciocche di capelli (insomma, niente di strano rispetto ai tradizionali bigodini, a parte la loro già citata flessibilità). Naturalmente, il fatto che ricalchino in buona parte le caratteristiche dei vecchi bigodini, non sta a significare che i bigodini flessibili non abbiano interessanti vantaggi da conquistare fin da subito: rispetto ai bigodini normali, infatti, non hanno bisogno di casco per l’asciugatura, e possono adattarsi praticamente a qualsiasi tipologia di lunghezza.

Come usare i bigodini flessibili

I bigodini flessibili sono utilizzabili in modo semplice e pratico. Cerchiamo di comprendere, punto per punto, come procedere in maniera schematica:

  • Lavaggio: lavate i capelli con un buon shampoo e balsamo, e passate lungo tutta la lunghezza della vostra chioma, insistendo soprattutto sulle punte, qualche goccia di olio per capelli. In questo modo riuscirete ad avere dei capelli setosi e mossi molto naturali, con un effetto simile a quello che si potrebbe ricreare una volta andati al mare, e una volta fatti asciugare al sole.
  • Tamponatura: i bigodini flessibili devono essere applicati sui capelli umidi, e non bagnati. Pertanto, cercate di tamponarli con un panno o con un asciugamano in maniera tale da togliere tutta l’acqua in eccesso. Se invece volete applicare i bigodini partendo dai capelli asciutti, dovreste inumidire le ciocche interessate con uno spruzzino, aggiungendo magari qualche goccia di olio essenziale (che donerà alla vostra chioma un profumo naturale molto seducente).
  • Applicazione: a questo punto potete entrare nella fase operativa vera e propria. Partendo dai capelli umidi (non bagnati!) divideteli in ciocche di media lunghezza, ricordandovi che più ciocche fate e più l’effetto mosso diventerà accentuato. Prendete dunque un bigodino, iniziate ad avvolgere la ciocca su se stessa, partendo dalle punte e risalendo quindi sulla nuca. Chiudete il bigodino e rifate la stessa procedura con un’altra ciocca.
  • Posa: terminata la fase di “montaggio”, non vi rimane che attendere il tempo di posa, che oscilla tra le 3 e le 4 ore. Potete anche valutare di andare a dormire con i bigodini flessibili, per potervi così risvegliare con una chioma davvero affascinante (i bigodini flessibili non dovrebbero dare fastidio, considerato il materiale morbido di cui sono fatti).
  • Pettinatura: terminato il tempo di posa, togliete tutti i bigodini, pettinatevi e aggiustate le ciocche con le mani e fissate il tutto con una lacca spray.

Quali bigodini flessibili comprare?

I bigodini flessibili possono essere comprati in qualsiasi negozio specializzato, visto e considerato che nell’ultimo periodo la loro diffusione è praticamente esplosa. Valutata l’ampiezza delle scelte, ricordate che è opportuno acquistare i bigodini adatti al risultato finale che desiderate ottenere: più il diametro è maggiore, e più sarà grande l’onda e il volume che desiderate ottenere. Ricordate anche che più lunghi sono i capelli, e più grandi dovrebbero essere – in linea di massima – i bigodini (se invece avete i capelli corti, potete optare per bigodini piccoli).

Fotogallery con tante foto di capelli ricci e mossi!

Concludiamo il nostro approfondimento con una ricchissima fotogallery dedicata ai capelli ricci e mossi. Che ne pensate? Vi piace il movimento creato da un hairstyle così dinamico?

Vi lasciamo ora alla nostra fotogallery su Instagram @capellistyle.it