piastra capelli

Foto @Kamil Macniak – Shutterstock

Come si pulisce la piastra per i capelli? Qui i nostri consigli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La piastra per capelli è la nostra fedele alleata per quanto riguarda lo styling della nostra chioma, ma a volte – soprattutto se ne facciamo un uso prolungato e giornaliero – potremmo notare che non sempre è perfettamente pulita. Questo oltre a sporcare i nostri capelli dopo il passaggio dello strumento, potrebbe anche rovinare la piastra stessa. Come fare quindi per pulirla al meglio? In questo articolo vi proponiamo qualche consiglio.

Leggi anche: Piastra per capelli da viaggio. Le 5 migliori secondo noi

Ogni quanto bisogna pulire la piastra per capelli?

Partiamo dalla premessa che la piastra per capelli andrebbe pulita almeno una o due volte al mese, ovviamente – come già accennato – rispetto all’uso che ne viene fatto.

Come capire se la piastra è sporca?

La piastra per capelli, se sporca, presenta cattivi odori, sporca i capelli e tende a funzionare meno. Se, per esempio, per lisciare i vostri capelli solitamente bastano solamente una o due passate, quando questa è sporca potrebbero volercene qualcuna in più. Questo accade perché le incrostazioni o l’unto sulle piastre fa resistenza fra i capelli e rendono lo styling un po’ ostico.

Come fa a sporcarsi?

La piastra andrebbe utilizzata solamente sui capelli puliti, ma come sappiamo non sempre questo accade. Inoltre, se non viene protetta dall’apposita custodia, questa potrebbe inevitabilmente raccogliere polvere e venire danneggiata. Un altro agente che può sporcare la piastra è sicuramente la linea di prodotti per lo styling che siamo soliti usare prima di acconciare i nostri capelli; questi possono depositarsi sullo strumento e a causa dello sbalzo di temperatura fra calda e fredda, trasformarsi in piccole incrostazioni.

Come pulire la piastra?

Dopo ogni utilizzo della piastra, staccatela dalla presa di corrente e una volta che si sarà raffreddata, passateci sopra un panno leggermente umido. Ripetete questo gesto diverse volte in modo da assicurarvi di aver rimosso ogni traccia di unto. Se vi rendete conto che però non è bastato, il consiglio è quello di usare una miscela di acqua e bicarbonato o – in alternativa – un po’ di alcool etilico.

Se notate la presenza di qualche incrostazione ostinata, utilizzate per la pulizia uno spazzolino, facendo attenzione che abbia le setole morbide. La piastra andrà pulita sempre e solo quando è fredda. Se la vostra piastra è invece a vapore, pulite bene il serbatoio e usate sempre l’acqua distillata che – essendo pura – non lascia alcun residuo. Se il serbatoio vi sembrerà sporco, pulitelo con acqua e aceto bianco.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Siciliana nata tra le pendici dell’Etna e il mare, ma trapiantata a Roma da qualche anno. Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo, è appassionata al mondo del benessere e dell'armocromia. Ama sperimentare prodotti per capelli e indossare accessori etnici e dai colori vibranti.