capelli frisè

Considerato che nel mondo dell’hairstyling tutto ritorna e ogni cosa si rinnova, non stupisce che – direttamente dagli anni ’80 dello scorso secolo – si stia ripresentando in modo piuttosto prepotente il frisé, che sta evidentemente ambendo a ritagliarsi un ruolo decisivo nelle prossime stagioni.

Ma come poterlo realizzare in maniera semplice, anche se non si ha grande esperienza nello styling?

Come fare il frisé senza piastra

Cerchiamo di comprendere come fare il frisé senza piastra e con piastra.

Per quanto concerne il primo metodo, parliamo di un procedimento più lungo e i cui risultati finali potrebbero non essere così raffinati come quelli ottenibili con l’uso di una piastra.

Tuttavia, di contro, parliamo anche di un sistema che vi permetterà di ottenere un effetto frisé senza stressare troppo i capelli, come invece rischierete di fare ricorrendo alla piastra.

Il modo più semplice ed efficace per poter realizzare un effetto frisé senza sfoggiare la piastra è quello di creare delle treccine su tutta la chioma, ancora umida: dopo un normale lavaggio effettuato con shampoo e balsamo, procedete dunque a tamponare i capelli con un asciugamano e realizzate le mini trecce.

Nel far ciò, abbiate cura nel realizzare delle treccine tutte della stessa dimensione e dello stesso spessore. Più sono strette le treccine, più l’effetto sarà movimentato; meno saranno strette le treccine, e più grandi saranno le onde sulla vostra chioma.

Considerato che l’effetto frisé poggia la sua attrattività proprio su questa definizione particolarmente sofisticata e “frequente” delle onde, cercate di fare delle treccine sottili e strette, che siano tenute in posa per diverso tempo, al fine di creare dei frisé piccoli e tendenti al riccio. Nel caso in cui invece l’effetto super riccio non vi aggrada, provate a realizzare delle treccine medie, un po’ più grandi.

Una volta che avrete realizzato delle trecce sui capelli umidi, asciugate la chioma con il phon e sciogliete tutte le treccine.

Se invece volete ottenere un risultato ancora più incisivo, cercate di favorire un’asciugatura naturale, che durerà dunque almeno qualche ora. Sciolte le trecce asciugate in maniera naturale, potete dare ancora più volume aiutandovi con il phon.

Come fare il frisé con la piastra

Se l’effetto frisé ottenuto con il procedimento di cui sopra non vi piace, perché troppo blando o poco omogeneo, potete aiutarvi con una piastra normale. Ma come?

Il procedimento è abbastanza semplice. Tutto quello che dovete fare è infatti lavare i capelli con uno shampoo e con un balsamo. A quel punto, asciugate la chioma, ma lasciatela leggermente umida. Quindi, suddividete la chioma in tante ciocche (almeno 15, ma anche di più se volete un effetto più vibrante), e per ogni ciocca realizzate una treccina molto stretta, che possa essere fissata con un elastico.

Vaporizzate su ogni ciocca un termo-protettore, ovvero un prodotto che vi tutelerà dallo stress indotto dalle alte temperature della piastra. A questo punto prendete una piastra tradizionale, accendetela sulla temperatura desiderata (nel dubbio, non esagerate!) e passatela su ogni treccia per due o tre volte.

Terminato il passaggio della piastra su ciascuna delle trecce che avevate precedentemente realizzato, aspettate che la capigliatura si freddi per poterle sciogliere. Aiutatevi con un pettine con denti larghi per poter suddividere le sezioni e fissate il tutto con uno spray a lunga tenuta.

Fateci sapere come è andata!

Ecco le foto con i capelli effetto frisè da cui prendere spunto

frisé
Foto @trystyle_1 [IG]
capelli con frisè
Foto @onhairparrucchieri_ [IG]
capelli frisé
Foto @aliceflashdance [IG]
capelli con frise
Foto @tech_beauty_italia [IG]
frise hair
Foto @bobocutlineparrucchieri [IG]
capelli ondulati
Foto @extro__parrucchieri [IG]