Naso aquilino? Non è un problema! Ecco come fare per mascherarlo

Il naso aquilino è un tipo di naso che si contraddistingue per un ponte nasale e un dorso, soprattutto, sporgente. Per molti questo naso è un problema perché è visto come un qualcosa che rovina il viso, in realtà ognuno è fatto a suo modo ed è giusto così. Tuttavia, vi sono soluzioni anche per il naso aquilino, ecco quali.

Il naso aquilino è un tipo di naso che si contraddistingue per un ponte nasale e un dorso, soprattutto, sporgente. Per molti questo naso è un problema perché è visto come un qualcosa che rovina il viso, in realtà ognuno è fatto a suo modo ed è giusto così. Tuttavia, vi sono soluzioni anche per il naso aquilino, ecco quali.

Cos’è il naso aquilino?

Se il tuo naso assomiglia a quello di Lady D, allora hai una tipologia di naso che si definisce “aquilino”, perché ricorda il becco dell’aquila. Questo naso viene anche definito “naso dantesco” perché dalle pitture sembra proprio che il noto poeta avesse lo stesso naso, o “naso romano”, “a becco d’aquila” o “naso a uncino” .Questo naso ha la caratteristica di avere un ponte nasale sporgente e un dorso piuttosto prominente. Il ponte nasale perde parte della forma classica a sella di cavallo quindi e il dorso va costituendo quasi una gobba. In diversi casi quando una persona ha il naso aquilino, capita abbia anche la punta nasale rivolta in giù verso il basso, cioè è un naso adunco.

Alcuni sostengono che vi sia una correlazione tra la forma del naso e l’appartenenza a una particolare etnia, o tra la stessa e intelligenza, personalità etc., cioè che richiami caratteristiche non fisiche: in realtà non è affatto così ed è stato scientificamente provato. Il naso aquilino è una caratteristica fisica del volto, sulla quale non si può fare nulla di risolutivo per intervenire in modo non invasivo: non c’è modo graduale, naturale, chimico di ridurre il vostro naso o cambiarne la forma, le magie non esistono. Le soluzioni tuttavia ci sono: o si interviene in modo invasivo con un intervento di rinoplastica, o si convive con il proprio naso aquilino scegliendo un taglio di capelli e un make up per mascherarlo un po’.

Rinoplastica

La rinoplastica è un’operazione di chirurgia estetica fatta per andare a porre un rimedio quando una certa caratteristica fisica costituisce un problema reale per la persona e gli crea danni psicologici. Un cattivo rapporto con sé stessi può determinare un cattivo rapporto con talune caratteristiche proprie, tra cui per esempio il naso. La chirurgia estetica soprattutto negli ultimi anni ha fatto dei passi da gigante, gli interventi, come quello di rinoplastica, hanno ormai risultati davvero eccellenti.

La rinoplastica coinvolge l’intera struttura del naso, perché per un lavoro armonico e ben fatto bisogna addolcire tutti gli elementi anatomici del naso, oltre ovviamente alla riduzione della gobba. La procedura operatoria specifica per il naso aquilino va ad intervenire sulla componente ossea e cartilaginea responsabile della forma sgradita. Gli elementi vengono ridotti e conformati alla forma desiderata, facendo attenzione a non eccedere in un naso insellato. Soprattutto negli interventi agli uomini si fa attenzione a questo, per evitare di dare tratti effemminati.

L’intervento, che dura circa 45 minuti, viene fatto in anestesia locale in associazione alla sedazione. Le cliniche specializzate effettuano l’intervento senza che restino cicatrici esterne e nel post operativo non dovrebbero restare ematomi o gonfiori particolarmente importanti. In un paio di settimane comunque il paziente è a posto. Il costo della rinoplastica è nella media, perché ormai si tratta di un intervento di routine, se si tratta di una procedura standard. In casi particolari o con dimensioni marcate è possibile che la procedura sia più complessa e che costi un po’ di più. Il prezzo per liberarsi del naso aquilino oscilla comunque tra i 4 mila e i 7 mila euro.

Il taglio di capelli giusto per il tuo naso aquilino

Con il naso aquilino si può convivere, bellissime star di Hollywood hanno questo naso e sono all’apice del successo. Basta prestare attenzione ai giusti particolari ed il gioco è fatto. Pensate a Sarah Jessica Parker, Lady Diana, Bar Raphaeli che sono icone di stile e bellezza!

La regola numero uno è quella di evitare capelli lunghi e lisci, la capigliatura da Morticia Addams sta bene solo ai nasini fini purtroppo, perché non farebbe che accentuare un naso aquilino. Se proprio non riuscite a evitare il lungo e liscio almeno scegliete un colore chiaro che è più dispersivo. Il taglio di capelli ideale è un taglio medio o corto, o comunque con una scalatura anteriore o un ciuffo ampio e scomposto che sdrammatizza un naso importante.

Se avete i capelli mossi è ancora più semplice creare quello scompiglio minimo necessario a mascherare il vostro naso, non aiuta il vero e proprio riccio invece. Un’alternativa maschera imperfezioni è anche la frangia, ma è un elemento che non piace sempre a tutte e non è sempre facile da tenere.

Il volume dei capelli è un ottimo alleato per non accentuare determinati tratti del volto e restringere il campo visivo proprio lì. Come acconciature per occasioni particolari consigliamo acconciature morbide, con dei fiori o decorazioni a cerchietto, o se ci piace, possiamo anche andare su uno chignon, ma è meglio non troppo tirato, lasciando anche cadere se possibile le ciocche sui lati.

Make up per il naso aquilino

In primo luogo munitevi di fondotinta, correttore chiaro, correttore scuro (o in alternativa userete fard, terra oppure ombretto marrone opaco) e un pennellino da sfumatura.

  • Stendi un velo di fondotinta coprente su tutto il naso, in modo uniforme, al fine di rendere l’incarnato dello stesso omogeneo e ridurne le imperfezioni.
  • Utilizzando poi la tecnica del contouring rendiamo meno evidente la gobbetta sopra al naso, dando un tocco di sfumatura scura di 2 toni rispetto alla nostra pelle. Così facendo andremo a far scomparire il punto luce creato di solito da questa imperfezione.
  • Con il correttore chiaro illuminiamo la zona che vi è tra l’attaccatura del naso in alto e le sopracciglia, che sicuramente è messa in ombra. Questo contrasto fa mettere meno in evidenza la parte della gobbetta.
  • Infine, rendiamo luci e ombre omogenee aiutandoci con il pennellino. Non devono esserci stacchi netti di colore, il risultato deve essere naturale.