Vai al contenuto

Bellezza

Profumo per capelli, essenziale per chi usa l’olfatto come bussola

Questo è un articolo rivolto specialmente a chi punta tutta la propria vita sull’olfatto. Lo sappiamo che siete in tanti. Chi non ha mai storto il naso alla zaffata improvvisa di un forte odore?! Per qualcuno è anche un super potere, riuscendo a carpire anche gli odori più soft. Ecco dunque che il profumo per capelli diventa necessario. 

E se i vostri capelli profumassero sempre come se fossero appena stati lavati? C’è da premettere che le chiome sono, ovviamente con tutte le variabili del caso e in base al tipo di capello, porosi e permeabili, dunque pronte ad assorbire incessantemente fumo, cattivi odori e tutto ciò che è presente nell’ambiente che ci circonda. Detto ciò, ecco che si fa largo proprio lui: il profumo per capelli! Le sue due versioni lo rendono estremamente adattabile a ogni esigenza, presente sul mercato come spray oppure olio. Ideato per difendere i capelli dagli agenti atmosferici con cui veniamo a contatto nella quotidianità, per metterli al sicuro da odori sgradevoli, come fumo e smog.

Profumo per capelli come sceglierlo: spray oppure olio?

Stiamo parlando di un semplice profumo, ma dalla formulazione rivolta esclusivamente ai capelli. Come scegliere tra le due tipologie, oleosa e spray? La formulazione oleosa è da preferire quando vuoi ottenere un finish più duraturo e luminoso rispetto a quello spray, ciò accade perché liscia i capelli facendoli apparire setosi e lucidi. Nessun effetto “lacca” dominerà dunque la nostra chioma. Il profumo per capelli è acquistabile in ogni profumeria e, per fortuna, con il tempo sono molti i brand che hanno prodotto la loro versione: da quelli più famosi come Dior o Chanel, a quelli meno conosciuti e più di nicchia. Uno in particolare che ci sentiamo di consigliare è quello del brand Biofficina Toscana, trattasi di un prodotto spray di altissima qualità e dal prezzo piccolissimo, infatti viene venduto a soli 15 euro per 50 ml.

Capelli idrofobici, le chiome che non rispondono più ai trattamenti: come resettare