salone parrucchiere

Foto: © Gemenacom / Shutterstock

Roma: parrucchieri non accettano clienti che non hanno fatto il tampone dopo le vacanze

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il settore degli artigiani, degli estetisti e dei parrucchieri è stato uno dei maggiormente colpiti dall’emergenza sanitaria e del relativo lockdown. Dalla riapertura, queste categorie hanno fatto il possibile per mantenere in sicurezza ogni apparecchiatura ed evitare quindi possibili contagi e una nuova chiusura dell’attività. Oggi, con l’aumento dei casi giorno dopo giorno e il rientro dalle vacanze (magari in zone rosse) i parrucchieri sono dovuti ricorrere agli ennesimi ripari.

Leggi anche: Covid19: le persone calve hanno più probabilità di contrarre il virus

Le nuove regole dei parrucchieri

Oltre alle mascherine, ai gel igienizzanti e alla riduzione delle postazioni di lavoro, ora alcuni parrucchieri e barbieri non accettano clienti di ritorno dalle vacanze nei Paesi a rischio o in Sardegna. Questa misura può sembrare drastica, ma necessaria. Per il momento, come spiega Il Messaggero, l’iniziativa è stata presa solamente in alcuni saloni della Capitale in mancanza di un civile e reciproco accordo per i tamponi fra Regione Lazio e Sardegna.

Fra le nuove regole anti contagio, quindi, l’esclusione di clienti di rientro da Grecia, Croazia, Malta, Spagna e Sardegna, fatta eccezione – ovviamente – per quelli che si sono sottoposti a tutti i necessari test di sicurezza. In poche parole, i gestori di attività private starebbero selezionando la clientela per evitare l’insorgenza di problematiche ben più gravi di un mancato guadagno.

I quartieri coinvolti

Anche le palestre stanno attuando queste nuove regole e per il momento i quartieri di Roma coinvolti nell’iniziativa sono Prati, Talenti, Porta Pinciana e Termini; fra i più popolosi della città. La questione però desta qualche dubbio e un po’ di malcontento fra i possibili clienti: il tampone per chi rientra dalla Sardegna è solamente consigliato e non obbligatorio e questo – teoricamente – annulla la richiesta (legittima, ma perentoria) dei saloni nei confronti dei clienti di effettuare il tampone se si vuole usufruire di certi servizi. Cosa ne pensate?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laurea in Economia e commercio, da sempre appassionato di scrittura online e di mondo femminile in particolare: moda, capelli, bellezza.