Questo sito contribuisce alla audience di
Vai al contenuto

Guide

In che modo l’acqua dura colpisce i tuoi capelli e come recuperarli

Ti sei mai lavato i capelli o le mani e ti sei sentito come se ci fosse un film che non riuscivi a risciacquare? I tuoi capelli si sono mai sentiti eccessivamente pesanti dopo che sei uscito dalla doccia, o forse hai notato un aumento dell’acne? Benvenuti nel mondo dei danni ai capelli causati dall’acqua dura.

Acqua dura, in che modo colpisce i tuoi capelli e come recuperarli

L’acqua dura è acqua che contiene un eccesso di minerali, come calcio, magnesio, ferro, calce e altro. Questa concentrazione di minerali crea un film sulla pelle e sui capelli quando fai la doccia (o ti lavi le mani, o lavi i piatti…). Anche se questo può sembrare spaventoso, non preoccuparti! Gli effetti tangibili dell’acqua dura spesso si notano immediatamente. Una chioma liscia e pesante è il risultato più comune. Se sei bionda, potresti notare che i tuoi capelli diventano ottonati molto più velocemente o assumano addirittura una tonalità verdastra.

Acqua dura, in che modo colpisce i tuoi capelli e come recuperarli

Acqua dura, in che modo colpisce i tuoi capelli e come recuperarli

Oltre ai cambiamenti di colore e alla mancanza di volume, l’acqua dura può anche causare rotture, eccessivo effetto crespo, diradamento dei capelli, grovigli e opacità. Se noti sintomi come questi, è molto probabile che tu abbia acqua dura in casa. L’aceto di mele, se utilizzato con coerenza, permette infatti di agire positivamente sul fusto dei capelli, ricoperto da una serie di squame che, se non coese, si aprono rendendo il capello ruvido al tatto e opaco alla vista di chi ha la fortuna di ammirarvi. Per fortuna, l’aceto di mele può arrivare in vostro soccorso, considerato che ha un pH (grado di acidità o basicità) acido, che si aggira tra il 4 e il 5.

Proprio grazie a tale caratteristica acidità dell’aceto, il prodotto può essere efficacemente utilizzato come ultimo risciacquo sui capelli, abbassando e facendo chiudere le già ricordate squame del fusto del capello, e facendolo pertanto risultare immediatamente più lucido e liscio al tatto. In aggiunta a ciò, si tenga conto che l’aceto è di aiuto anche per poter contrastare l’effetto e il peso del calcare che è contenuto naturalmente nell’acqua che utilizziamo per lavare i capelli, visto e valutato che l’acidità di tale prodotto potrà sciogliere i residui di calcare.

Il calore non nuoce sempre ai capelli e aggiungerlo alla routine è un’ottima idea

Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure