Asciugacapelli, la storia del tool più utilizzato di sempre: com’è nato, quando e perché

Immaginiamo di usare un’aspirapolvere per asciugarci i capelli. Non sarebbe proprio pratico, vero? All’inizio del 1900, non era raro che le persone arrivassero a ciò per asciugarsi i capelli il più rapidamente possibile. Un lunghissimo periodo prima che arrivasse l’asciugacapelli così come lo conosciamo noi.

Ma da dove è nato il bisogno di far asciugare i capelli con qualcosa di meccanico invece di un asciugamano? Dal suo debutto professionale alla fine del 1800, l’asciugacapelli (o phon, che dir si voglia) è stato accolto a braccia aperte. Guardando le opzioni disponibili sul mercato odierno del beauty hair, è difficile non giungere alla conclusione che gli ingegneri dietro il moderno asciugacapelli prediligano design futuristici. Quelli più all’avanguardia erano noti per essere stati progettati con un tubo da attaccare all’estremità di scarico di un aspirapolvere e proiettare il getto di aria direttamente sulla chioma.

Asciugacapelli storia del tool più utilizzato di sempre: dalla nascita allo sviluppo

La storia dell’asciugacapelli inizia con Alexandre-Ferdinand Godefroy. Il suo “dispositivo per parrucchieri” fece il suo debutto in un salone francese nel 1888 e iniziò a far nascere la speranza che decidere di lavarsi i capelli non significasse dover prenotare un’intera giornata per asciugarli e poi acconciarli. Il dispositivo di Godefroy non era molto migliore dell’idea dell’aspirapolvere. Quindi, come molti primi passi in un territorio tecnologico inesplorato, l’invenzione di Godefroy è stat provvidenziale. A partire dal 1915 è diventato possibile asciugarsi i capelli senza doversi sedere sotto un dispositivo che sembrava progettato per estrarre il cervello. Sebbene commercializzati come asciugatrici manuali, questi dispositivi erano mal progettati e difficili da usare, pesantissimi e ingombranti.

E rispetto agli asciugacapelli di oggi che hanno alle spalle oltre 2000 watt di potenza, i primi asciugacapelli erano all’avanguardia se riuscivano a raggiungere i 100 watt. Erano commercializzati come facili da usare (basta premere un pulsante!). Ma erano anche troppo pesanti per poter tenerne uno in mano per un lungo periodo di tempo. All’inizio degli anni ’50, i saloni di bellezza e gli asciugacapelli con cappuccio si unirono per offrire alle donne un posto in cui fuggire. Dopo un decennio nella forza lavoro e dopo aver contribuito in modo chiave allo sforzo bellico sul fronte interno, le donne si sono ritrovate di nuovo relegate al focolare domestico. Andare in salone per uscire di casa era diventata la norma per molte di loro, specialmente quelle intente a fare una dichiarazione sul proprio status sociale.

I primi asciugatori sono stati pubblicizzati come in grado di offrire l’esperienza che le donne apprezzavano del salone. Con un cappuccio di plastica sui capelli che si sarebbe asciugato in meno di 22 minuti, le donne erano presenti negli annunci che parlavano al telefono. La “comodità” di usare un asciugacapelli a casa ha ancora un prezzo esteticamente, con i motori montati esternamente (che è rimasta la norma fino al 1954). Ci sono voluti gli anni ’70 (e diversi decessi per folgorazione e lesioni da prodotti che generano scintille) per aggiornare le norme di sicurezza per gli asciugacapelli e giungere al modello più simile che conosciamo noi del 2022!

Tucked Bob: la frangia a tendina sposa il taglio più glam del 2022