capelli bianchi

Capelli bianchi? La colpa è dello stress

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se fino a oggi avete creduto che il troppo stress faccia venire i capelli bianchi, avevate ragione! La scienza lo conferma: c’è un legame strettissimo tra il nostro sistema nervoso e le cellule staminali che stabiliscono i pigmenti dei capelli. Lo studio è stato condotto nell’Università di Harvard e lancia alcune basi per comprendere gli effetti collaterali dello stress sugli organi.

La parola all’esperto

Carlo Alberto Redi, Direttore del Laboratorio di Biologia e dello Sviluppo dell’università di Pavia, in merito alla correlazione tra sistema nervoso e cellule staminali dice: I capelli che diventano bianchi a causa dello stress sono come un semaforo che sottolinea in maniera comprensibile a tutti come la vita quotidiana influisca pesantemente sulla nostra salute. Tantissime ricerche hanno mostrato come l’ambiente influenzi pesantemente il modo in cui si esprime il Dna: noi siamo quello che siamo per i geni che abbiamo ereditato, ma anche per il modo in cui vengono influenzati dalla vita quotidiana, dallo stress lavorativo alle esperienze emotive, con conseguenze sull’aspettativa di vita”.

Il professore conferma quindi che lo stress influisce sul nostro benessere. I capelli bianchi, oltre ad essere un fatto puramente estetico, dovrebbero risultare per noi come un campanellino d’allarme. Redi continua dicendo: “Comprendendo esattamente come lo stress influenza le cellule staminali che rigenerano il pigmento, abbiamo gettato le basi per capire come lo stress influisce su altri tessuti e organi del corpo e questo è il primo passo verso eventuali trattamenti in grado di arrestare l’impatto dannoso dello stress”.

Il test

Sull’annosa questione sono stati condotti diversi test; i ricercatori hanno studiato gli effetti del dolore sul nostro corpo e hanno potuto verificare come, a causa di alcune tossine, il colore di peli e capelli si schiarisca in modo incredibile. Successivamente, gli studiosi, hanno provato ad arginare il problema usando un farmaco in grado di rallentare la trasmissione di dolore alle fibre del sistema nervoso simpatico. Si è così verificato che il processo di perdita di colore del pelo è stato bloccato dal trattamento stesso.

Grazie a questi esperimenti, si è compreso che lo stress induce le fibre del sistema nervoso simpatico a rilasciare enormi quantità del neurotrasmettitore noradrenalina e che questo viene assorbito dalle cellule staminali che si trovano nel bulbo pilifero.

Leggi anche:

I migliori prodotti per coprire la ricrescita dei capelli bianchi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Anno 1992, ama nel profondo la bellezza. Grazie alla fusione del diploma all'Accademia di trucco cinematografico e la laurea in Cinema e Produzione Multimediale è riuscita a fare ciò che più ama: scrivere di makeup e tendenze