Vai al contenuto

News

La sindrome dei capelli impettinabili colpisce ancora: vi presentiamo Holly

Da quando era piccola è stata affettuosamente chiamata dalla madre “un piccolo spaventapasseri”, a causa della sua sindrome dei capelli impettinabili. La stessa madre che ora afferma che la sua bambina di otto anni è diventata un’icona di stile. La piccola infatti vanta una “criniera da leone” davvero invidiabile.

La piccola Holly Wight è una delle sole 100 persone al mondo scoperte finora dagli scienziati a cui sia stata diagnosticata la rara condizione genetica che causa capelli secchi e crespi che non possono essere pettinati. Mamma Emma ha dichiarato: “Holly è davvero orgogliosa dei suoi capelli. Se non altro, è un po’ triste che i suoi capelli selvaggi si stiano afflosciando man mano che cresce (caratteristica della sindrome dei capelli impettinabili, ndr).

Capelli impettinabili, la sindrome ha colpito anche una bimba di 8 anni

Ora Holly è in ottima compagnia, dato che altri nomi famosi ritenuti affetti dalla sindrome dei capelli non pettinabili UHS – che è anche conosciuta come ‘spun glass hair’ – includono il primo ministro Boris Johnson, suo figlio Wilfred e il genio scientifico Albert Einstein. Mamma Emma, che di lavoro fa l’assistente sociale, crede che la sindrome di cui è affetta di Holly sia stata tramandata dalla parte di famiglia materna, nello specifico dal nonno Peter, 68 anni, i cui capelli sono notevolmente simili.

Dopo essersi imbattuta nella condizione su un gruppo Facebook a cui si è unita per i genitori che cercavano di far fronte ai capelli ribelli dei loro figli quando Holly era una bambina e vedendo la foto di un altro bambino con lo stesso aspetto da spaventapasseri, ha detto: “Non abbiamo avuto un diagnosi formale fino al 2019, quando siamo andati a The One Show della BBC (canale televisivo americano, ndr). Siamo stati mandati a vedere un tricologo specialista dei capelli a Manchester, che ha fatto i test e ha confermato ciò che già sapevo sulla chioma di Holly”.

Tagli e tinte spaziali per le donne di 60 anni: c’è un sacco di stile da raccontare