Vai al contenuto

Guide

Capelli ricci, il trattamento lisciante che dura 7 mesi: “Hair Rebonding”

Per quelli che hanno i capelli ricci o mossi, creare una piega liscia richiede una buona dose di asciugatura, styling a caldo e protezione dagli elementi. Da qualche parte tra un trattamento alla cheratina e la stiratura giapponese si trova il metodo di rebonding dei capelli.  Un processo chimico che crea una consistenza liscia, massimizza la lucentezza e conferisce un risultato finale complessivamente a bassa manutenzione se una finitura liscia a lunga durata è la tua passione. 

Che cos’è il rebonding dei capelli?
Il rebonding dei capelli è un trattamento chimico in salone progettato per dare ai capelli una struttura liscia. Il trattamento prevede la rottura dei legami disolfuro tra gli amminoacidi e la loro ricostruzione per modificare in modo permanente la struttura dei capelli. Il processo produce una differenza significativa per i tipi di capelli ricci e mossi (ovviamente), ma se hai i capelli più lisci, puoi comunque dimostrare di essere un candidato se stai cercando una finitura ancora più liscia o se desideri non asciugarli più a caldo. Un singolo trattamento può durare da sei a sette mesi, ma puoi scegliere di ritoccare a partire da tre a sei mesi quando la tua ricrescita originale inizia a a farsi vedere.

I prezzi possono variare a seconda del salone o dello stilista che visiti, ma sia Wiley che Colombini notano che puoi aspettarti di pagare tra i  200 e i 600 euro. Un singolo trattamento rebonding può creare immediatamente una texture liscia che non cambia, anche se ti bagni i capelli. Vedrai meno crespo e un aspetto setoso e morbido. Se giochi costantemente con phon e pistra per conferire una finitura liscia, puoi aspettarti che il tuo tempo di styling sarà ridotto in modo significativo, il che potrebbe significare meno styling a caldo in generale. Inoltre, poiché il rebonding leviga la cuticola dei capelli, noterai un aspetto più brillante.

Ombrè inverso, particolarissimo su chiome chiare e scure: l’Estate sottosopra