Vai al contenuto

News

A 59 anni con il collo distrutto dall’estetista: “Centinaia di cicatrici”

Le immagini mostrano una donna con “un collo come una lucertola” a seguito di una procedura cosmetica fallita da 600 euro. Jayne Bowman dice che “non sopporta più” uscire di casa dopo che il suo collo è stato ridotto con un centinaio di cicatrici. E adesso scopriamo insieme cosa le è accaduto.

La 59enne, originaria dell’Hampshire, afferma di essere intrappolata in un “incubo vivente” e “vuole giustizia” per la procedura a cui è stata sottoposta. La denuncia della donna è la seguente: gli avvocati hanno abbandonato il suo caso e la polizia le ha ‘ordinato di smettere di molestare l’estetist’a. “Non esco senza una sciarpa addosso. In effetti, non mi piace affatto uscire, preferisco uscire sotto la pioggia dove ho il cappuccio e nessuno può vedermi”, ha detto. “Non sto definendo tutte le estetiste perché non sono tutte uguali, ma ce ne sono molte là fuori che sono cattive. Attenersi ai professionisti”. Jayne ha iniziato a ricercare procedure quando la perdita di peso l’ha lasciata con ‘un brutto doppio mento’.

Il trattamento dell’orrore

“Ero così orgogliosa della mia recente perdita di peso, ma mi era rimasta una pelle in eccesso che mi aveva lasciato con un doppio mento antiestetico e l’ho odiato”, ha detto. Dopo aver fatto appello su Facebook per una buona clinica di Botox, una terapista di bellezza ha inviato un messaggio per dire che poteva offrire un trattamento chiamato plasma fibroblastico. La procedura estetica che rassoda la pelle è descritta come un’alternativa al laser, alle iniezioni o alla chirurgia.

Jayne ha deciso di provarci dopo aver visto che la pagina dell’estetista aveva “ottime recensioni e tutte le qualifiche” – ma ha finito per pentirsi della sua scelta. “Quando sono tornato a casa il mio collo sembrava in fiamme. Settimane dopo non c’è stato alcun cambiamento a parte le orribili cicatrici”, ha detto. “Avevo centinaia di punti su tutto il collo. Sembravo una lucertola. Tutto ciò che mi era rimasto erano dei puntini rossi sgradevoli su tutto il collo”.

Devastata dalla sua esperienza, Jayne si è rivolta a un avvocato per esplorare le sue opzioni legali, ma dopo una consultazione hanno detto che non potevano andare oltre. Ha lasciato una recensione pungente per l’estetista incriminata su Facebook, ma si è ritorta contro. “In poco tempo sono stato contattato dalla polizia dicendo che stavo molestando l’estetista. Sono rimasta completamente sbalordita”, ha detto. “Ma sapevo di aver ragione quando le altre persone hanno inviato un messaggio per dire che era successo lo stesso a loro”. Jayne sta ora lottando per normative più severe nel settore della bellezza e ha lanciato una petizione.

Autoabbronzante, come applicarlo sulla schiena se vivi da sola