Vai al contenuto

Guide

Come far crescere le ciglia velocemente: volume e spessore in un battito

Parliamoci chiaro, ciglia lunghe, folte da cerbiatto sono il sogni di chiunque. Purtroppo quando si parla di genetica può andare bene bene o male male, ma anche discretamente. Abbiamo visto come dei mascara che costano meno di 15 euro possano performare al top, ma se ponessimo il focus direttamente su come far crescere le ciglia velocemente?

Come far crescere le ciglia velocemente: volume e spessore in un battito

Il volume che dona l’olio di cocco
Ciglia più voluminose e forti con l’olio di cocco. Sembrerebbe un rimedio all’acqua di rose, come si suol dire, niente da prendere sul serio, eppure non è così. Saturo di antiossidanti, l’olio di cocco grazie alla presenza di minerali nella sua composizione è in grado di conferire un volume super alle ciglia, oltre ad essere un impeccabile struccante. Il trucco è applicare l’olio di cocco tutte le sere e, nel giro di due mesi, ma solo se si è stati costanti, si vedranno i risultati.

La rosa mosqueta previene la caduta
L’olio che si ottiene dalla rosa mosqueta contiene acidi grassi e vitamina A, oltre ad avere delle consistenti proprietà antiossidanti. È già presente in creme e prodotti antirughe. Se fosse un supereroe il suo potere sarebbe quello di prevenire la caduta delle ciglia. Si può mettere la sera, dopo essersi struccate, con le dita, oppure con un applicatore per mascara. Solita storia dell’olio di cocco: la costanza premierà, applicare ogni sera per almeno due mesi. 

3. Il terzo è il rimedio più semplice
Ciglia foltissime e rinvigorite con l’olio di oliva grazie alle sue proprietà idratanti e nutrienti. Come i due rimedi sopraelencati il consiglio è quello di metterlo la sera, dopo aver struccato viso e occhi, con le dita oppure con un applicatore del mascara. Non bisogna avere fretta, per cominciare a vedere i primi effetti, ci vogliono almeno sei settimane, anche in questo caso è importante essere costanti e applicarlo quotidianamente. 

Capelli che cadono per carenza di ferro: come fare per capirlo e integrarlo