henné

Foto @fotolotos – Shutterstock

Henné: vantaggi, svantaggi e come farlo comodamente a casa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’henné è per moltissime donne una valida alternativa alla tinta per capelli: questo prodotto è totalmente naturale e grazie alle sue proprietà coloranti può coprire anche i capelli bianchi. Inoltre, l’henné presenta tantissimi vantaggi fra cui quello di rendere la chioma più forte, più corposa e lucida. In questo articolo vogliamo chiarire i vostri dubbi una volta per tutte!

Leggi anche: Henné neutro, la cassia: un’azione naturale per rinforzare e lucidare i capelli

Cos’è l’henné

L’henné, come dicevamo, è una pianta che contiene una molecola speciale che portata a contatto con sostanze acide, come ad esempio il limone, rilascia sui capelli una colorazione tendente al rosso. Questa tecnica per colorare i capelli è antichissima e viene usata dalle donne di tutto il mondo da diversi secoli. La sua particolarità è quella di essere semipermanente e di smontare piano piano man man che ci si lavano i capelli; non a caso l’henné può essere usato anche per fare dei tatuaggi temporanei.

henné

Vantaggi

Il primo e grande vantaggio dell’henné è quello di essere un’alternativa naturale alle tinte chimiche per capelli, che spesso risultano troppo aggressive sulla chioma. Come dicevamo inizialmente, poi, questa pianta ha il potere di rendere i capelli più spessi e forti. Ovviamente quando l’applicazione è frequente e a lungo termine. L’henné è ottimo per chi presenta capelli sottili, indeboliti da precedenti trattamenti e fragili. La sua applicazione è consigliata una volta al mese.

Svantaggi

L’henné è sconsigliato alle persone che soffrono di favismo poiché alcune sostanze contenute in esso possono portare a conseguenze gravi. Lo svantaggio dell’henné, inoltre, è solamente uno: data la sua componente naturale al 100%, la resa sui capelli e di conseguenza il suo mantenimento sono diversi rispetto alle tinte classiche.

Come fare l’henné a casa

Innanzi tutto munitevi di una ciotola, meglio se in vetro. Unite la polvere di henné all’acqua calda e qualche goccia di limone o aceto. L’impasto deve raggiungere una consistenza densa e compatta, ma non deve essere né troppo corposo né troppo liquido. Per mescolare bene affinché non ci siano grumi, munitevi di un cucchiaio di legno e una volta finito di lavorare il vostro composto, lasciatelo riposare in un luogo caldo tutta la notte coprendolo con un asciugamano.

henné

Il giorno dopo sarà pronto per essere usato: applicatelo ciocca per ciocca preferibilmente sui capelli puliti e asciutti. Dopodiché coprite la testa con una pellicola per alimenti o una cuffia per la doccia e tenete in posa almeno due ore. L’ideale, però, sarebbe tenerlo in posa tutta la notte affinché penetri correttamente all’interno del capello.

Quando avrete finito di tenerlo in posa, lavate la vostra testa, ma senza shampoo! Inizialmente dovrete usare solamente l’acqua; l’henné infatti continua a colorare il capello fino a 48 ore dopo il risciacquo: aspettate quindi questi tempi utili prima di procedere con shampoo e balsamo come siete solite fare.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1984, laureata in comunicazione d'impresa, da sempre appassionata di capelli. Sempre al passo coi tempi, ama seguire le ultime tendenze in fatto di bellezza.