Cosa vuol dire toccarsi sempre i capelli? Il significato dietro a questa abitudine

Hai presente quelle persone, magari ti ci riconosci, che non riescono a smettere di giocare con i propri capelli? Pettinarli, arrotolarli, farli oscillare nel bel mezzo di ogni conversazione. Ma ecco cosa c’è dietro a questo modus operandi così particolare. Dunque, cosa vuol dire toccarsi sempre i capelli?

Una teoria, vecchia come il mondo, dice che ci tocchiamo i capelli per flirtare. Giocare con i capelli, ovvero lisciare, accarezzare, roteare, gettare indietro, è anche noto come pavoneggiarsi. Secondo gli esperti, giocare con i capelli di solito è solo un tic nervoso, una tattica autolenitiva o un’abitudine insensata. Detto questo, a volte questo tic nervoso potrebbe sfociare in un problema più ampio, a seconda della misura in cui lo fai.

Cosa vuol dire toccarsi sempre i capelli? Il significato di questa abitudine

L’attorcigliamento/tocco dei capelli può essere problematico quando risulta fuori controllo o quando si trasforma in un continuo strapparsi i capelli, quest’ultimo chiamata tricotillomania. Se questa abitudine si è trasformata in strapparsi i capelli in modo incontrollabile o in genere ritieni di aver bisogno di aiuto per gestire questa “abitudine”, è importante avere cercare un aiuto dal tuo medico di base o direttamente un terapeuta. Quest’ultimo può fornire cure più mirate e meccanismi di coping.

Se giocare con i tuoi capelli è semplicemente un’abitudine, e tu vorresti darci un taglio (un po’ come smettere di fumare o di mangiarsi le unghie), tenere un diario su quando/come lo fai giornalmente potrebbe essere un ottimo primo passo”. Alla fine della fiera, però, non c’è una ragione o un significato più profondo dietro il motivo per cui alcuni di noi giocano così tanto con i propri capelli. Se ti sorprendi a farlo, però, prenditi un momento per chiederti come ti senti in quel momento. Potresti rimanere esterrefatto da ciò che scoprirai.

I modi di portare la riga rivelano 4 personalità diverse: e tu quale sei?