Vai al contenuto

Guide

Filler ai capelli: quanto costa, in che stagione farlo e soprattutto cos’è

Se vuoi ottenere i capelli più lisci e lucenti senza troppi sforzi, allora potresti prendere in considerazione un trattamento di filler capelli. Non preoccuparti: il nome è un po’ fuorviante, ma garantiamo che l’ago che si poserà sul tuo cuoio capelluto, lo farà lievemente. Ti rilasserai su una poltrona e lascerai che questo processo di riparazione faccia la sua magia sulla tua criniera.

Il dottor Pierluigi Canta, chirurgo plastico a Roma e Napoli, ha affermato che nei giorni precedenti al trattamento sia opportuno prendersi cura dei propri capelli tramite detergenti specifici, in grado di riequilibrare e controllare l’assorbimento di sebo. Inoltre apprendiamo leggendo le sue parole che potrebbero essere anche i residui di cheratina ad incidere sulla buona riuscita del filler capelli. In cosa consiste la tecnica? Il chirurgo estetico mette in atto delle piccole infiltrazioni tramite un ago sottilissimo, esse veicoleranno i principi attivi che possiedono effetto biostimolante.

Queste infiltrazioni non saranno spinte in profondità, anzi, agiranno su un piano superficiale, rendendo tutto il protocollo poco invasivo e doloroso.  Ma a chi è rivolto l’Hair filler? Sostanzialmente a tutti, perché le sostanze utilizzate sono state approvate, certificate e testate per soddisfare e calzare su più del 90% della popolazione. Quando farlo? Super mossa vincente quella di sottoporsi a trattamento in vista della primavera, quindi dopo le rigidità invernali, e in autunno, dopo l’esposizione a raggi solari aggressivi, salsedine e stress estivo. Ma quanto costa? Una seduta dura circa 40 minuti a un costo che varia da 100 a 200 euro. In media sarebbe d’uopo effettuare in tutto 8 sedute, una ogni 2/3 settimane, a seconda dell’esigenza. 

Lavare i capelli ‘al contrario’: il ‘reverse washing’ è la soluzione a chiome spente e piatte