Monfalcone apre la raccolta solidale di capelli: ecco come aderire

Il Sindaco di Monfalcone, Anna Maria Sint, ha deciso di istituire una raccolta solidale di capelli per chi al momento sta affrontando delle cure oncologiche e ha perso i suoi. Ma come si può dare una mano?

Leggi anche:  Bimba di 11 dona i capelli ai malati di cancro, ma diventa vittima di bullismo

Raccolta solidale di capelli a Monfalcone

Domenica 30 maggio a Piazza della Repubblica a Monfalcone avrà luogo l’iniziativa solidale e di sensibilizzazione, Una gioia per capello. Questo progetto è stato lanciato dal club Rotaract Club e Interact Club Monfalcone – Grado, con la partecipazione dell’Amministrazione Comunale. Dalle 10:00 della mattina, quindi, saranno esibiti ben 10 gazebo con all’interno parrucchieri e parrucchiere pronte  a tagliare i capelli da donare affinché possano diventare parrucche oncologiche. Giuliana Garimbetti, Assessore ai servizi dei cittadini, dichiara:

Sostenere donne e uomini in difficoltà è di vitale importanza.

Anche Giada Pizzignach, Prefetto dell’Interact Club, si aggiunge alle parole dell’Assessore e dice:

Quest’anno  abbiamo deciso di dare un contributo concreto e di scendere in campo in prima linea per sensibilizzare il più possibile l’opinione pubblica su questa problematica. Siamo già arrivati a 22 donatori, ma abbiamo ancora spazio per nuove prenotazioni. Inoltre chi ha appuntamento dal parrucchiere prima dell’evento può farsi tagliare la treccia e portarcela in piazza il 30 maggio.

I capelli da donare per le parrucche oncologiche dovranno essere lunghe almeno 17 centimetri e i capelli dovranno essere puliti e totalmente asciutti. Inoltre è possibile presentarsi alla donazione con capelli tinti, ma a patto che siano di un unico colore (no shatush e balayage).

Se vi state chiedendo come unirvi all’iniziativa e donare preziosi centimetri di capelli, è semplicissimo: basterà inviare una mail a [email protected] oppure contattare i club citati nell’articolo attraverso i social. Speriamo che quella di Monfalcone sia un’iniziativa che verrà ripresa da tante altre città italiane!