Foto: boredpanda.com

Mulletfest: l’evento per appassionati di tagli brutti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Incredibile, ma vero! Il taglio più brutto della storia – il Mullet – è ancora considerato, oggi, un must fra le acconciature maschili e non. In Australia, precisamente a Kurri Kurri, esiste addirittura il Mulletfest dedicato a questo taglio di capelli.

Leggi anche: Il mullet bang, il taglio più brutto di sempre e che non dona a nessuno

Cos’è il mullet?

Il mullet è un taglio anni ’70 davvero particolare: la sua peculiarità è quella di essere più corto sopra, quasi rasato sulle tempie e lasciato lungo e sfilato sulle lunghezze. È sicuramente cugino del Klute Cut, sfoggiato da Jane Fonda come simbolo di ribellione e diventato poi emblema delle personalità più punk e sovversive. Il mullet, tuttavia, ancora oggi continua ad avere moltissimi sostenitori (inspiegabilmente).

mullet rossi

Foto: Pinterest.com

neri mullet frangia

Foto: pinterest.com

Le migliori foto del Mulletfest

Queste sono le foto di Craig Gibson, un fotografo inglese che viaggia per il mondo grazie al suo lavoro. Incuriosito dal Mulletfest ha deciso di fare la valigia e volare fino all’altro capo del mondo per assistere al festival.

Mulletfest

boredpanda.com

Mulletfest

boredpanda.com

Mulletfest

boredpanda.com

Mulletfest

boredpanda.com

Mulletfest

boredpanda.com

Mulletfest

boredpanda.com

Mulletfest

boredpanda.com

Mulletfest

boredpanda.com

Mulletfest

boredpanda.com

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Nato a Zurigo nel 1991, di origini siciliane ma romano d'adozione, Basilio Petruzza è uno scrittore e blogger. È laureato in Dams e, nonostante la sua prorompente calvizie, è da sempre appassionato di capelli, tagli e colori.