ottobre rosa

Foto @Sk Elena – Shutterstock

Ottobre Rosa: l’iniziativa che regala visite senologiche a tutte le donne

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ottobre è il mese della prevenzione e per questo motivo in tutta Italia potrete approfittare delle visite e dei controlli gratuiti su tutto il territorio. L’iniziativa “Ottobre Rosa” è presentata dalla Lilt con la Campagna Nastro Rosa. Vediamo di cosa si tratta!

Leggi anche: Cancro al seno: tinte e trattamenti liscianti ne aumentano il rischio

Ottobre Rosa: cos’è

Per Ottobre Rosa si intende un intero mese in cui è possibile sopporsi a una visita senologica gratuita. Dove? Presso tutte le associazioni provinciali e i 400 ambulatori attivi su tutto il territorio nazionale. All’interno di queste strutture verranno anche elargiti consigli e moniti, nonché materiali formativi e ovviamente vari opuscoli dedicati alla causa.

Come fare per prenotare le visite?

Per prenotarsi basterà semplicemente chiamare il numero verde SOS LILT 800 998877 e richiedere tutte le informazioni necessarie. Negli ultimi mesi, la situazione incerta del Paese e la paura per la pandemia, ha portato ancora più solitudine nelle vite dei pazienti oncologici e per questo motivo la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori ha voluto esprimere la sua vicinanza. Il Presidente nazionale della Lilt – Francesco Schilluti – ha voluto commentare così:

Con il lockdown e la paura di poter contrarre il virus, molti pazienti hanno rinviato interventi, visite e terapie. Si stima che non siano stati eseguiti oltre un 1 milione e mezzo di screening senologici: questo ci costerà caro, sia in termini di nuove diagnosi che di spesa sanitaria. Per questo, quest’anno, credo che la nostra consueta iniziativa LILT For Women – Campagna Nastro Rosa, necessiti della massima amplificazione: il tumore della mammella continua ad essere il ‘Big Killer’ delle donne e sebbene sia una malattia sempre meno letale, a livello d’incidenza continua invece a crescere, colpendo anche donne più giovani, nella fascia 30-35 anni: in questo contesto, che conta circa 55.000 nuove diagnosi ogni anno, la prevenzione non deve essere trascurata; allo stesso modo non dobbiamo dimenticare di prenderci cura dell’esercito di oltre 800mila donne in Italia che hanno vissuto l’esperienza del cancro al seno.

Falsi miti sul pap-test

Non abbiate paura di fare il pap-test! Alcuni falsi miti vedono questa visita come qualcosa di invasivo e doloroso, ma non è così! Moltissime giovani donne hanno confessato di non essersi mai sottoposte a questo tipo di screening proprio a causa della paura che gira attorno ai falsi miti. Il consiglio è quello di recarsi da un bravo ginecologo e di affidarsi a lui per ogni dubbio o perplessità. In fondo, ne vale della propria salute.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1984, laureata in comunicazione d'impresa, da sempre appassionata di capelli. Sempre al passo coi tempi, ama seguire le ultime tendenze in fatto di bellezza.