salone di bellezza

Foto: © ariadna de raadt / Shutterstock

Parrucchieri chiusi: arriva il video per Conte: «Stiamo collassando, meritiamo rispetto»

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Continua la rivolta dei parrucchieri contro le restrizioni del decreto di Giuseppe Conte del 26 Aprile; il Presidente del Consiglio durante la sua ultima conferenza stampa ha dichiarato che barbieri, parrucchieri ed estetisti dovranno rimanere chiusi almeno fino al primo giugno.

Anche qui la data è incerta, poiché solo vedendo come si svilupperanno le cose nel nostro Paese, sarà possibile fare una stima di quando riapriranno tutti i negozi e sarà possibile tornare alla normalità. Chi fa parte della categoria estetica ovviamente non ci sta e non sa come tirare avanti dovendo affrontare le spese di un esercizio chiuso, ma sulla carta ancora attivo.

Parrucchieri chiusi: scoppia la rivolta

Moltissimi parrucchieri si stanno preoccupando del loro futuro e alcuni temono che – seppur ligi ai loro doveri di bravi cittadini – verranno comunque rimpiazzati da tutti quelli che abusivamente si recheranno presso le case per fornire i loro trattamenti a domicilio. La conferenza stampa di domenica sera ha infranto i sogni di tutti: ci si aspettava maggiore libertà, pur sempre nel rispetto delle regole e della salute. Ma così non è stato. Milioni di parrucchieri, barbieri ed estetisti hanno visto sfumare le loro speranze di riaprire almeno a metà maggio i loro negozi.

A parlare nel video qui sotto è Barbara Quadrelli, che insieme alla sua socia Angela Casillo, gestisce il salone Moda Capelli a Como. L’amarezza della donna è tanta e le sue parole sono chiare:

“Avevamo già comprato tutti i dispositivi: mascherine e disinfettanti, investendo molti soldi e senza entrate, perché siamo chiuse da ormai due mesi. Inoltre, avevamo pensato a pacchetti fatti apposta per le nostre clienti, dei buoni per servizi di parrucchiere ed estetica da utilizzare una volta riaperto il salone. Volevamo ricominciare”.

E poi continua: “Come categoria, ci hanno messi insieme a ristoranti e bar. Senza nulla togliere alla loro attività ma almeno hanno la possibilità di lavorare attraverso il delivery e, dal 4 maggio, potranno fare asporto. Noi invece, nonostante abbiamo da sempre misure ferree da rispettare all’interno dei nostri saloni e centri estetici, siamo trattati così. Non lo ritengo corretto. Inoltre, questa decisione aumenta il rischio che ci siano abusivi che fanno servizio a domicilio”.

parrucchiere

Foto: comozero.it

Alla fine del video, poi, arriva la stoccata al Presidente Conte: “Sa chi siamo, signor Presidente? Glielo spiego io. Siamo quelli che eravamo pronti a scacciare il risentimento e a rimboccarci le maniche e ricominciare, non ci saremmo tirati indietro. Sa cosa mi rende nervosa e risentita, caro Presidente Conte? Che ci abbiate catalogato come esercizi di assembramento. Noi lavoriamo con protocolli di igiene quasi, se non uguali, a quelli dei medici, da sempre”.

parrucchiere

Foto: comozero.it

Date le grandi polemiche non è assurdo pensare che Giuseppe Conte possa riconsiderare – da qui a pochi giorni – le sue dichiarazioni e magari donare all’Italia un nuovo inizio il prima possibile. 

Il video

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Anno 1992, ama nel profondo la bellezza. Grazie alla fusione del diploma all'Accademia di trucco cinematografico e la laurea in Cinema e Produzione Multimediale è riuscita a fare ciò che più ama: scrivere di makeup e tendenze