Vai al contenuto

Guide

Phon da viaggio più potente ed economico: leggerissimo, costa solo 20 euro

Se viaggi spesso, per lavoro o per piacere, un asciugacapelli da viaggio può essere una manna dal cielo. I phon in hotel, laddove esistono, possono essere piuttosto poco brillanti – e mentre l’asciugatura all’aria può funzionare per determinati tipi di capelli, avrai bisogno di aria e calore per ottenere uno stile ordinato e una piega da salone.

Gli asciugacapelli da viaggio leggeri e compatti stanno diventando sempre più potenti e ricchi di funzionalità. I migliori phon da viaggio mantengono le tue ciocche morbide quando sei lontano da casa, con la tecnologia di sigillatura dell’umidità che mantiene i capelli sani e lucenti e asciugati proprio come piace a te. Se scegli il tool giusto, puoi essere certo che il tuo “appeal” sarà elegante come lo sarebbe con tutta la tua attrezzatura a casa. Alcuni dei migliori asciugacapelli da viaggio sono così buoni che puoi sostituirli con il tuo asciugacapelli di dimensioni standard senza problemi.

Qual è la differenza tra un phon standard e uno da viaggio?

La più grande differenza tra uno da viaggio e quello da casa è la dimensione. Mentre un asciugacapelli progettato per essere tenuto a casa può essere grande quanto deve essere per la sua potenza e caratteristiche, un asciugacapelli da viaggio è progettato principalmente per essere leggero e compatto per un facile trasporto. L’asciugacapelli più potente è anche uno dei più economici: il Babyliss 5344BU offre un sacco di comodità a pochi euro. Ha una potenza nominale di 2.000 W, oltre a due impostazioni di calore e velocità, così puoi personalizzare il tuo phon in base al tipo e alla consistenza dei tuoi capelli. È dotato di un ugello concentratore progettato per dirigere il flusso d’aria con precisione per una finitura liscia. Quando hai finito si ripiega semplicemente. L’asciugacapelli da viaggio di Babyliss assicura che, anche quando sarai in viaggio, non avrai carenza la potenza.

Sopracciglia non depilate e altre stregonerie: come curarle senza usare la pinzetta