salone parrucchiere

Foto: © Gemenacom / Shutterstock

Sicilia: parrucchiera pagata 1 euro l’ora, scatta la denuncia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il caso di cronaca arriva da Catania: nel quartiere di Librino, la Polizia ha effettuato diversi controlli in alcune attività commerciali, riscontrando numerosi illeciti. Nel dettaglio, in via della Siepe, è stato denunciato uno studio di tatuaggi e un salone di parrucchieri decisamente non a norma.

Leggi anche: Qual è il Paese europeo con più parrucchieri? E quanti anni hanno in media gli operatori del settore?

Librino: tatuaggi e capelli non a norma

Entrambi gli esercizi commerciali erano abusivi e allestiti all’interno di un’abitazione affittata in nero dal titolare. Il gestore del fantomatico “studio” effettuava i tatuaggi senza rispettare le norme igienico-sanitarie. Gli strumenti del mestiere poi, non venivano neanche disinfettati o sterilizzati.

Nel “salone da parrucchiere” di fortuna, invece, venivano effettivamente distribuiti materiali per la sicurezza individuale anti-covid19: la responsabile, infatti, forniva mascherine e gel igienizzante ai suoi clienti. Il problema però è un altro: la titolare dell’attività oltre a percepire il reddito di cittadinanza, ha alle sue dipendenze una lavoratrice in nero di soli 18 anni. La ragazza prendeva 40 euro la settimana: ovvero 1 euro l’ora.

librino

Foto @lasicilia.it

Lavoro in regola…è così difficile?

Spesso ci chiediamo il perché dei prezzi troppo alti dei saloni, ma – tranne alcuni casi – stiamo pagando non solo il servizio offerto, ma anche le spese per una corretta osservanza delle regole igienico-sanitarie.

Sulla retribuzione dei dipendenti, invece, c’è da fare una doverosa postilla: un lavoratore appagato e apprezzato sarà sicuramente incentivato a dare il meglio di sé. Inoltre è decisamente increscioso che, al giorno d’oggi, ci si appelli alla necessità di lavorare per offrire uno stipendio ai minimi della dignità umana per un orario lavorativo full time.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Anno 1992, ama nel profondo la bellezza. Grazie alla fusione del diploma all'Accademia di trucco cinematografico e la laurea in Cinema e Produzione Multimediale è riuscita a fare ciò che più ama: scrivere di makeup e tendenze