Tatuaggi temporanei che sbiadiscono in un anno: il “per sempre” non esiste più

Sono arrivati i tatuaggi temporanei “fatti per sbiadire”, forse per la prima volta in assoluto nel mondo, veri e propri tatuaggi ma temporanei. Non stiamo parlando di adesivi che trasferisci sulla tua pelle con acqua o di tatuaggi all’henné. Ma vediamo meglio di che si tratta e quale tecnica viene utilizzata!

I cosiddetti ‘tatuaggi effimeri’ sembrano (e si sentono) come quelli veri, ma svaniscono gradualmente dalla tua pelle in un periodo di 9-15 mesi fino a quando non ne rimarrà più traccia. È stata un’idea ispirata dall’orribile esperienza di rimozione tatuaggi di un ex cofondatore, i co-fondatori di Ephemeral Josh Sakhai, Brennal Pierre e Vandan Shah hanno trascorso più di cinque anni e 60 formulazioni sviluppando un inchiostro con il proprio processo di rimozione integrato.

Tatuaggi temporanei che sbiadiscono in un anno: il “per sempre” non esiste più

I tatuaggi tradizionali funzionano in questo modo: la pistola per tatuaggi inietta l’inchiostro in profondità negli strati della pelle, sotto il derma e le sue naturali capacità esfolianti, dove si aggrega in particelle che sono troppo grandi per essere rimosse dal sistema immunitario del tuo corpo. Per sbarazzartene, hai bisogno di un laser che faccia esplodere quelle particelle di inchiostro in pezzetti più piccoli, abbastanza piccoli da consentire al tuo corpo di eliminarli naturalmente. Questo processo è lungo, doloroso e può ancora lasciarti cicatrici.

L’inchiostro effimero è diverso. Di cosa è fatto esattamente è un segreto gelosamente custodito, ma si tratta di materiali “biodegradabili, di grado medico” che si decompongono naturalmente da soli. La chiave era sviluppare questa tecnologia in un inchiostro per tatuaggi che non solo avesse un bell’aspetto, ma che sbiadisse in modo coerente e che fosse facile da usare per i tatuatori. Perché farlo se poi scompare? È una tecnica inventata ad hoc per gli eterni indecisi, quelli del “e se poi me ne pento”… vi abbiamo convinti?!

Le sopracciglia decolorate tornano dagli anni ’90: schiarirle col makeup è possibile