Brazilian blow dry, il miglior trattamento contro i capelli crespi e indisciplinati

Il Brazilian blow dry non è altro che un trattamento capelli alla cheratina. Viene dal paese famoso per la vita da spiaggia di Copacabana, i carnevali sgargianti e le deliziose Caipirinha! È stato reso famoso da celebrità come Nicole Richie, Lindsay Lohan, Halle Berry e Renee Zellweger, solo per citarne alcune. Allora, di cosa si tratta di preciso?

Cos’è Brazilian blow dry?

In breve, il Brazilian blow dry è la soluzione semipermanente per dire addio ai capelli crespi e indisciplinati e dare il benvenuto a capelli divinamente lisci. Tuttavia, nonostante questo trattamento, puoi ancora portare i capelli ricci o acconciature ondulate. L’attrazione principale: non dovrai più passare ore ad asciugare i capelli mettendoci anni per domarli. Inoltre passeranno diversi mesi tra un trattamento e l’altro. Il trattamento può durare fino a quattro mesi.

Brazilian blow dry è adatto per la maggior parte dei tipi di capelli, da quelli fini a quelli molto ricci. È un’opzione eccellente ed è possibile grazie a un particolare ingrediente del trattamento: la cheratina. Questo liquido, utilizzato nel trattamento, crea uno scudo attorno a ciascun capello. Sigilla la cuticola e come tale protegge i capelli dai danni esterni. La cheratina è una proteina che esiste naturalmente nei capelli e nelle unghie. È ciò che rende i tuoi capelli leggermente elastici e quindi in grado di resistere ai danni.

Trattamento capelli alla cheratina: perché scegliere il Brazilian blow dry

Tuttavia, varie cose possono portare al suo deterioramento, come l’asciugatura regolare, il calore e i prodotti chimici. Si otterranno dunque capelli fragili e suscettibili di danni. La mancanza di cheratina è in gran parte alla base del fattore crespo. La cheratina utilizzata nel Brazilian blow dry viene applicata sott’olio e di solito proviene da vari semi e bacche. Questi includono la bacca di acai e il seme di annatto.

Dentifricio sui capelli per schiarirli o per farli crescere: verità o leggenda?