Vai al contenuto

Make Up

Cos’è il “makeup probiotico”? L’innovazione per un incarnato sanissimo

Prima di immergerti nel makeup probiotico, diamo una rapida occhiata alla cura della pelle con probiotici. È essenzialmente una sostanza che stimola la crescita di microrganismi. Proprio come quelli che assumi negli integratori, quelli per la cura della pelle sono progettati per fornire gli stessi effetti di riparazione della barriera, costruzione cellulare e antinfiammatori generali.

Makeup probiotico: l’innovazione per un incarnato perfetto

Alcuni addirittura promettono di aiutare condizioni come l’eczema. È un ingrediente utilizzato in Corea da anni con “molti estratti combinati che hanno effetti mirati su vari problemi della pelle, tra cui acne, disidratazione, protezione dai fattori ambientali, oltre ad aiutare le condizioni generali della pelle e la regolazione del sebo”, spiega la chimica cosmetica Grace Ncubuka. Ancora una volta, proprio come gli integratori che puoi assumere, il beauty dei probiotici e dei prebiotici può essere estremamente difficile da formulare a causa dei batteri che devono rimanere “vivi” per apportare benefici al tuo corpo o alla tua pelle. Nonostante queste sfide formulative, l’industria della cura della pelle è andata avanti a tutto vapore con l’offerta di prodotti a base di probiotici.

Cos’è il trucco probiotico?
In un settore in continua evoluzione in cui molti appassionati di bellezza vogliono qualcosa di più di un semplice fard, non sorprende che l’idea del trucco probiotico sia allettante. Il probiotico è esattamente quello che c’è scritto sulla scatola (o in questo caso, una polvere impacco ben confezionata): un ingrediente aggiunto al trucco per supportare il microbioma della pelle, il tutto dandoti i risultati cosmetici che stai cercando. Pensalo come un ibrido per il trucco e la cura della pelle progettato specificamente per riparare la tua barriera.

In un certo senso, i probiotici offrono una versione più cementata della bellezza “pulita”: un termine non regolamentato, soggettivo e in qualche modo allarmistico. Questo perché a differenza degli ingredienti di bellezza “puliti”, un ingrediente come il probiotico, in teoria se funziona, può dare risultati controllati e misurati (sia attraverso la cura della pelle che il trucco). I probiotici danno le basi per concentrarsi sull’aggiunta del “buono” rispetto alla rimozione del “cattivo” al fine di migliorare la pelle con la capacità di misurare i risultati. Marchi come Be+Radiance e persino Clinique offrono un trucco probiotico che migliora la barriera cutanea offrendo allo stesso tempo una tonalità arrossata o rosea. 

Fondotinta in un bicchiere d’acqua e poi applicato: il risultato pazzesco