Vai al contenuto

Lifestyle

Arisa a Sanremo 2022 e il pubblico va in tilt per il look

Arisa è tornata sul palco dell’Ariston. La cantante ha partecipato a Sanremo 2022 nella seconda serata, quella di mercoledì 2 febbraio, quando insieme a Malika Ayane ha interpretato i brani Fino all’Alba e Un po’ più in là, le canzoni finaliste del contest musicale che porterà alla scelta dell’Inno di Milano Cortina 2026.

Ma ci sarà un’altra sua apparizione al Festival perché durante la serata delle cover duetterà con Aka7even, che è un suo ex alunno ad Amici di Maria De Filippi. Naturalmente, come per i Big ma anche ospiti e protagonisti, la curiosità del pubblico sul look che avrebbe sfoggiato Arisa era altissima.

Arisa a Sanremo 2022, look e critiche

Per il suo debutto a Sanremo 2022 come ospite speciale Arisa ha intanto sfoggiato per la prima volta in pubblico la sua nuova chioma rosa. Poi, per quanto riguarda l’outfit, ha puntato su qualcosa di classico e scelto un abito total firmato Act N°1, cerchi d’oro e diamanti, make-up total pink, così come le décolleté di Roger Vivier e lo smalto.

Il vestito di Arisa è stato commentassimo. Perché l’abito con modello a sirena, caratterizzato da un lunghissimo strascico e da un maxi spacco laterale, era contraddistinto da un bustier strapless che sembrava essere sovrapposto. Da qui una marea di polemiche sul fatto che forse lo aveva indossato male.

Arisa sanremo 2022 capelli rosa look abito critiche

Sanremo 2022 seconda serata, capelli e make-up: un trend su tutti ha dominato

“Ma solo io ho avuto l’impressione che Arisa non abbia indossato correttamente il vestito?”, si legge tra i tanti messaggi su Twitter. E ancora: “Ma Arisa vestita al rovescio che imita l’accento cinese”. Perché a giudicare da quanto scritto dagli utenti anche l’ironia di Arisa su “Spaghetti di Liso” non è stata gradita: “Te prego gli spaghetti di Liso no, scendi da sto palco”. Insomma, il look che ha scelto per esibirsi all’Ariston non è piaciuto per nulla.  

Capelli rosa 2022, tutte le tinte in tendenza e le tecniche più estrose: come scegliere quella perfetta