Capelli stressati dal sole: ecco i trattamenti per rigenerarli

D’estate il nostro corpo ha bisogno di liquidi e di un’alimentazione corretta per rimanere in forma anche con le calde temperature tipiche della bella stagione. Esattamente come il nostro organismo, anche i capelli hanno bisogno di diverse cure per evitare di rovinarsi a causa del sole e dei suoi raggi torridi. In questo articolo vi illustriamo i modi per avere una chioma a prova d’estate!

Leggi anche: Capelli perfetti e setosi? I consigli che vi miglioreranno la giornata

Capelli e sole: hair routine

Ognuna di noi ha una hair routine che segue minuziosamente per ottenere dei capelli da favola, ma a volte i nostri riti di bellezza hanno l’effetto contrario. Ecco i dieci errori che commettiamo tutte durante lavaggio e messa in piega:

  • Usare shampoo e balsamo “generici”: ogni capello ha le sue esigenze e va trattato con i prodotti specifici
  • Lavare i capelli il giorno prima di fare il colore. Lo shampoo asporta il sebo presente sul cuoio capelluto, rendendolo più sensibile. Ecco perché è meglio aspettare almeno 48 ore tra lavaggio e trattamento colore.
  • Lavare i capelli tinti con acqua calda, perché l’eccesso di calore crea uno shock termico che apre le cuticole e libera i pigmenti colorati, sbiadendo la tinta.
  • Strofinare con l’asciugamano avanti e indietro: l’attrito provoca la rottura dei capelli.
  • Pettinare i capelli bagnati: così si indeboliscono.
  • Usare pettini e spazzole di plastica: favoriscono l’elettrostaticità e rendono più fragili le fibre dei capelli.
  • Non proteggere i capelli prima di asciugarli: va applicato un prodotto protettivo sulle ciocche. Per il phon basta un siero liquido che idrata e ristruttura, per la piastra ci vuole un termoprotettivo specifico, a base di oli e siliconi.
  • Usare il phon troppo caldo: meglio una temperatura moderata e un getto freddo sulle punte, la parte più delicata.
  • Tenere l’asciugacapelli troppo vicino: la distanza giusta è 10-15 cm.
  • Acconciare i capelli con mollette, elastici e cerchietti: in estate i capelli sono più fragili e così tendono ulteriormente a spezzarsi

Le maschere da fare in casa

I rimedi della nonna, lo diciamo sempre, sono i migliori. Quelli che stiamo per elencarvi offrono un aiuto ai capelli aggrediti da sole e salsedine. Assolatte consiglia diversi tipi di maschere in base al tipo di danno del capello:

Per capelli secchi e fragili

Per capelli di questo tipo frullare due cucchiai di yogurt bianco a mezza banana e un quarto di avocado. Applicate la maschera sui capelli asciutti e tenetela in posa per una ventina di minuti. Risciacquate poi con acqua fresca e procedete con lo shampoo.

Per capelli decolorati o danneggiati

In una ciotola mettere 50 ml di latte, 30 g di yogurt bianco, 4 cucciai di miele e 3 gocce di olio di oliva. Mischiate tutto e lasciate riposare in frigo per 10 minuti. A questo punto lavate i capelli e tamponateli con un asciugamano. Applicate la maschera appena fatta, massaggiando il cuoio capelluto e poi tenere in posa per 10 minuti, con i capelli avvolti in un asciugamano. Risciacquate bene con acqua tiepida.

Per capelli secchi con forfora

Mischiate una tazza di yogurt bianco a un tuorlo d’uovo e un cucchiaio di succo di limone. Distribuite tutto il composto sui capelli lavati e tamponati e tenete in posa per 10 minuti. Risciacquate con cura.

Per capelli crespi

Mischiate 50 g di yogurt con 80 g di miele e 3 gocce di olio di oliva insieme  a un cucchiaino di olio di mandorle. Applicate il composto sui capelli, partendo dalla radice. Lasciate in posa per 20 minuti, risciacquate e procedete con lo shampoo.

Per capelli grassi

Mischiate 125 g di yogurt con un cucchiaino di miele e 3 gocce di olio essenziale di salvia. Stendete l’impacco sulla chioma asciutta e lasciate agire per 15 minuti. Procedete poi con il normale shampoo.

Rinforzare i capelli con l’alimentazione

Come diciamo sempre, una corretta alimentazione è ottima per una chioma sana, forte e splendente. Questa infatti è utile anche in caso di perdita di capelli: una dieta equilibrata prevede l’assunzione di oligoelementi, amminoacidi e vitamine del gruppo B. I prodotti che contengono questi elementi sono soprattutto di tipo lattiero-caseari.

  • Proteine: i capelli sono fatti di proteine e, se non se ne introducono abbastanza, tendono a sfibrarsi, a diventare opachi e a diradarsi. Alcuni amminoacidi, in particolare, sono importanti per la formazione della cheratina e per “nutrire” i bulbi dei capelli, evitando così che risultino opachi e che si spezzino facilmente formando le doppie punte.
  • Vitamine del gruppo B: contribuiscono a mantenere i capelli sani, robusti e lucidi. Una carenza di queste vitamine predispone alla caduta dei capelli e alla dermatite. I prodotti lattiero-caseari sono un’ottima fonte di vitamine del gruppo B, e contribuiscono per circa un terzo all’apporto totale di due vitamine-chiave per le chiome: la vitamina B2, la cui carenza favorisce la comparsa dei capelli bianchi, e la B12, che li rende più forti. Latte e derivati forniscono anche la vitamina B8 (biotina), importante per rinforzare i capelli, stimolarne la crescita e combattere l’alopecia.
  • Zinco: regolarizza la produzione di sebo, evitando che si formi la forfora o che il cuoio capelluto si secchi troppo, e favorisce la crescita, contribuendo anche a evitare la caduta dei capelli. I prodotti lattiero-caseari (e in particolare i formaggi, soprattutto quelli stagionati) sono la più importante fonte di zinco degli italiani e anche la più efficace, perché la presenza delle proteine del latte ne aumenta l’assorbimento organico.