Vai al contenuto

Acconciature

Coda-medusa, l’acconciatura 2000 che folgora l’Estate vent’anni dopo

Prendi una classica coda di cavallo, aggiungi le mini trecce del momento e otterrai l’acconciatura dell’estate. Il suo nome? La coda medusa. Vi assicuriamo che il suo nome – che rimanda ai tentacoli delle meduse – nonostante non sia dei più affascinanti, è sinonimo dell’acconciatura più trendy dell’estate 2022. 

Adottata già da molte celebrità come Bella Hadid o Kendall Jenner, questo nuovo modo di indossare la coda di cavallo non lascia nessuno indifferente. Soprattutto, perché la coda medusa è semplicissima da realizzare ed è di grande effetto. Sì, hai letto bene, FACILE.

Come fare una coda di cavallo medusa?

Su capelli puliti o sporchi (acconciatura ultra pratica in caso di bad hair day), fai una coda alta. Per un effetto maggiore, appiattisci i capelli con un gel o una lacca. Una volta che la tua faccia è scopertissima, tutto ciò che devi fare è intrecciare la tua coda di cavallo, ehm di medusa. Semplice ed efficiente! Se alcuni parrucchieri optano per due trecce, altri come quello di Bella Hadid declinano le mini trecce all’infinito. Per quanto riguarda il materiale, è consigliabile optare per diversi mini elastici, uno scrunchie, una spazzola e una lacca (o gel). Un’acconciatura che adottiamo ovunque: al lavoro, la sera ma anche ai festival. Allora, proviamo?

Come fare una coda medusa?

Su capelli puliti o sporchi (acconciatura ultra pratica in caso di brutta giornata di capelli), fai una coda alta. Per un effetto maggiore, appiattisci i capelli con un gel o una lacca. Una volta che la tua faccia è chiara, tutto ciò che devi fare è intrecciare la tua coda di cavallo. Semplice ed efficiente! Se alcuni beautista optano per due trecce, altri come Bella Hadid declinano le mini trecce all’infinito. Per quanto riguarda il materiale, è consigliabile optare per diversi mini elastici, uno scrunchie, una spazzola e una lacca (o gel). Un’acconciatura che adottiamo ovunque: al lavoro, la sera ma anche ai festival. Allora, proviamo?

Texturism, il razzismo rivolto ai capelli: cos’è e come si manifesta