Questo sito contribuisce alla audience di
Vai al contenuto

Guide

Come scegliere il colore del blush giusto per voi

Un tempo, il rossore sulle guance, era sinonimo di buona salute per una donna: rendeva l’immagine nel complesso fresca e seducente. Oggi, l’obiettivo di chi applica un po’ di blush sul viso non è più esclusivamente quello di attirare l’attenzione su di sé. Infatti, c’è chi lo usa per vivacizzare l’opacità del proprio incarnato, chi invece seleziona una nuance più scura da applicare proprio in corrispondenza delle guance per esaltare gli zigomi, e chi ancora lo sceglie di un colore molto più chiaro per utilizzarlo semplicemente come finish per il proprio make-up. I suoi utilizzi variano a seconda delle esigenze, ma in tutti i casi è bene saper scegliere con attenzione la tonalità giusta da applicare sul viso, seguendo le regole dell’armocromia, al fine di evitare stacchi eccessivi rispetto al proprio incarnato riproducendo, così, il classico effetto clown! Per questo abbiamo pensato di fornirvi una piccola guida che possa esservi d’aiuto nella scelta del colore di blush più giusto per voi! 

Il colore del blush segue sempre quello del make-up e del proprio incarnato

Guida alla scelta del blush 

Ci sono diversi fattori da tenere in considerazione, ma l’obiettivo principale dev’essere sempre quello di scegliere il blush in base alla tipologia della pelle e al colore naturale del proprio incarnato. 

Texture del blush

In commercio esistono due diverse tipologie di blush: in crema o in polvere. La scelta ricade su di una o sull’altra, a seconda della tipologia della pelle. E più precisamente, se la vostra pelle è normale o leggermente secca, potete optare tranquillamente per entrambe le formule; diversamente, con un tipo di pelle grassa, l’ideale è un blush in polvere semplicemente perché quello in crema potrebbe accentuare l’effetto lucido derivante dall’eccessiva quantità di sebo presente sulla cute, cosa che invece il blush in polvere ridurrebbe. 

Finish opaco o lucido?

L’effetto che volete riprodurre sul viso dipende dal finish che scegliete. Anche in questo caso, è molto importante considerare l’aspetto della propria pelle: se liscia e omogenea, non correte alcun rischio sia applicando un blush opacizzante che brillante; ma se la cute presenta delle imperfezioni come pori dilatati, brufoli o rughe accentuate, è preferibile optare per un finish opaco in modo tale da coprire gli inestetismi senza correre il rischio di accentuarli. 

Come selezionare il colore perfetto di blush?

Dopo aver definito la texture e il finish del blush, è il momento di passare alla tonalità! Scopriamo come scegliere quella perfetta per voi.

In base al vostro make-up 

L’ensemble del make-up è uno dei primi fattori da non sottovalutare quado dovete decidere quale colore di blush applicare! Se siete soliti optare per un make-up con colori caldi come oro, borgogna, arancio, pesca, allora l’ideale sarebbe mantenersi sulle stesse nuance anche con il blush; stesso discorso per make-up con tonalità fredde come rosa, viola, azzurro, verde e blush freddo. Se invece preferite un trucco più neutro basato su toni del marrone, grigio o nero, allora state più che serene perché qualunque colore di blush applicherete, il risultato non verrà alterato. 

Blush per pelle chiara 

Se la vostra pelle è molto chiara, andate sul sicuro con un blush sul rosa, selezionando la tonalità che più preferite! Generalmente, essendo molto delicato, lo si sceglie in base alle sfumature dell’interno labbra. Altra tonalità considerata passe-partout per ogni eventualità è quella del color pesca: infallibile per sottotono chiaro, di leggera o media intensità!

Blush per pelle media 

Per un incarnato che non sia né troppo chiaro, ma neppure scuro, la tonalità albicocca o arancio è perfetta! Le pelli medie necessitano solo di enfatizzare la propria sfumatura calda, dunque via libera per un risultato naturale e deciso.

Blush per pelle olivastra 

La pelle olivastra è sempre più difficile da trattare perché basta davvero poco per rovinare un intero make-up. Dunque, per non sbagliare, consigliamo di optare per tonalità calde come il bronze o terra, in modo tale da smorzare il colore freddo della pelle. 

Blush per over 50 

Dopo aver oltrepassato una certa fascia d’età, la pelle comincia ad essere definita matura. Le over 50, infatti, per selezionare il colore perfetto dovrebbero semplicemente attenersi a quello del proprio incarnato naturale, seguendo una semplice regola: prediligere un blush dall’effetto satinato, definito anti-age, capace di nascondere al meglio i segni dell’invecchiamento.

Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure