Come eliminare l’effetto crespo sui vostri capelli

Che cosa è l’effetto crespo, perché si può formare sui nostri capelli e in che modo potete contrastarlo con appositi trattamenti anti-frizz.

effetto crespo

L’effetto crespo è sicuramente uno degli effetti più “odiati” dalle donne di tutto il mondo. Tuttavia, se non avete mai provato i migliori trattamenti a base di cheratina facilmente disponibili sul mercato, e che nell’arco di poche decine di minuti potranno garantirvi di dire addio all’effetto frizz, avete una motivazione in più per ricredervi, e per non temere più così tanto il crespo. Ma di cosa si tratta? E come potete ottenere i migliori risultati attraverso i prodotti ad hoc acquistabili sul mercato?

Cerchiamo di saperne un po’ di più e svelare alcuni aspetti piuttosto interessanti sui trattamenti anti-frizz acquistabili sul mercato.

Effetto crespo, un nemico da sconfiggere

Tutte le donne che hanno i capelli crespi sanno molto bene quanto possa essere difficile gestirli. Ogni giorno bisognerà infatti fare i conti con una chioma ribelle, sfibrata, anti-estetica e intrattabile, visto e considerato che non si presterà con facilità a mantenere a lungo termine la vostra desiderata piega, anche se viene eseguita alla perfezione.

Eppure, nonostante ciò, c’è tanto che potete fare per poter aiutare i vostri capelli a ritrovare quell’aspetto sano, luminoso e morbido che tanto desiderate e che – soprattutto – tanto vi permetterà di sfoggiare la capigliatura più adatta per la stagione. È infatti sufficiente acquistare sul mercato i migliori prodotti che possano opporsi al c.d. “effetto frizz”, che fornisce l’impressione di disporre sul capo di una chioma porosa, non idratata e povera di cheratina, una importante proteina che è già presente naturalmente nel nostro organismo, e le cui molecole possono garantire maggiore flessibilità e solidità al fusto.

Considerato che non di mera impressione si tratta, ne deriva che potete fare davvero tanto per poter ritrovare il giusto benessere nella capigliatura. E quando vi accorgete che il mix vincente tra shampoo normale e balsamo non è più tale, e quando vi rendete conto che il capello si sta increspando troppo spesso, è il momento di sperimentare i migliori trattamenti specifici capaci di restituire quella quantità di idratazione necessaria.

Perché usare i trattamenti a base di cheratina

Come abbiamo avuto modo di ricordare qualche riga fa, il capello crespo è un capello che per sua natura è piuttosto disidratato, tanto che i normali trattamenti con la coppia shampoo + balsamo utilizzata con frequenza durante il resto dell’anno non si rivelano più sufficienti.

Il fusto del capello crespo presenta infatti dei pori che si vanno a riempire con l’acqua presente nell’aria (e che durante la stagione più umida può abbondare) causando quel tipico gonfiore che nessuna donna ama. La cheratina, che è già presente naturalmente nel nostro organismo, ma che con il tempo tende a diminuire, può evitare tutto questo grazie alle sue molecole, che vanno a riempire le sacche di cui sopra andando a sigillarle con il calore e dunque impedendo al capello di assorbire umidità e, in ultima battuta, di gonfiarsi creando l’effetto frizz.

Nonostante i benefit che i trattamenti a base di cheratina possono manifestare nei confronti delle donne che sono alla ricerca di un prodotto anti-crespo, queste soluzioni sono circondate ancora da qualche pregiudizio non sempre fondato. La “colpa” – se così si può dire – è legata al fatto che i primi trattamenti in uso in Sudamerica contenevano formaldeide, una sostanza che può effettivamente fornire un incredibile effetto lisciante ma che, in cambio, contiene rischi cancerogeni piuttosto seri.

Naturalmente, da quel momento in poi le cose sono evidentemente cambiate, e i trattamenti oggi a disposizione sono benefici e non hanno sostanze nocive. Insomma, riuscirete ad avere un capello liscio, setoso, disciplinato, mantenendo il movimento naturale, senza aggredire la chioma e l’intero organismo con sostanze dannose.

Altrettanto naturalmente, il consiglio degli esperti è quello di non pretendere che il trattamento possa darvi un effetto infinito nel tempo. Bisogna infatti sempre stare molto attenti ad abbinarlo ai giusti prodotti che si useranno anche a casa. Meglio dunque stare alla larga da shampoo troppo aggressivi, che potrebbero andare a interferire con i legami cheratinici, sciogliendoli e vanificando così gli sforzi effettuati con il trattamento fatto in salone.

Proprio per questo motivo gli esperti consigliano sempre di unire il trattamento con l’acquisto di shampoo cheratinici che fungono da re-fill, unitamente a balsamo o maschera a seconda del tipo di capello. La stessa attenzione dovrà inoltre essere riposta nei prodotti per lo styling: provate a domandare al vostro parrucchiere!

Nontouring

Nontouring, l’ultima tendenza in tema di colore capelli

Short hair, le migliori tendenze per questa parte d’estate!