frangia laterale
credit: stock.adobe.com/fulvia

La frangia laterale rappresenta una forma di stile particolarmente attraente e in voga nelle ultime stagioni. Si tratta infatti di una frangia che – cadendo in maniera obliqua sui lati del volto – possono facilmente adattarsi a qualsiasi forma di viso, contribuendo ad esaltare la bellezza femminile. Tuttavia, c’è un “ma”: le frange laterali perdono spesso la loro geometria iniziale, costringendo le donne che sono cadute in una simile tentazione a dover riprendere la strada del parrucchiere e optare per un nuovo taglio. Ma siamo proprio sicuri che sia per forza così? Perché non provare ad aggiustare la frangia a casa propria?

Come prepararsi all’impresa

Cominciamo con un po’ di preparazione, ricordando che l’operazione di taglio della frangia laterale deve essere effettuata sui capelli asciutti: i capelli bagnati o quelli umidi non permettono infatti di poter arrivare a eseguire il lavoro con la dovuta precisione che serve per poter ottenere una frangia perfetta.

Detto ciò, prendete un pettine e portate la frangia laterale avanti, sul viso. Il resto della chioma dovrà invece essere pettinata all’indietro, per poi essere raccolta con un elastico, un fermaglio o delle mollette: quanto basta per evitare che i capelli cadano sul davanti e possano essere oggetto di un erroneo taglio.

Capelli con frangia: Foto alle quali non potrete dire di no.

È ora di prendere le forbici!

Una volta giunte a questo punto, imbracciate con convinzione le forbici. Fate attenzione a non usare il primo tipo di forbici che vi capita sotto mano. Anche se non è necessario acquistare necessariamente delle forbici da parrucchiere, è però utile acquistare delle forbici ben affilate, con una impugnatura ergonomica che vi aiuterà a raggiungere risultati migliori. Un consiglio: prima di far vittime tra i vostri capelli, esercitatevi su un foglio di carta per comprendere “come” tagliano.

Ora, prima di tagliare le lunghezze che avanzano, fate sempre conto che il taglio dovrà essere opposto rispetto al lato in cui si desidera che la frangia ricada: pertanto, se desiderate che la frangia laterale cada a sinistra, il taglio dovrebbe essere verso destra, e così via. A questo punto, siete pronti a tagliare la frangia. Provate a farlo un po’ alla volta, tenendola piatta. In questo modo otterrete un risultato migliore: impiegherete più tempo, rispetto a un taglio netto e ampio, ma riuscirete a conseguire un target più soddisfacente.

Anche una volta fatto questo, pettinate di nuovo i capelli e rivedete la frangia: portatela nella posizione in cui dovrà stare. Assicuratevi che sia esattamente come la volete e, in caso di imprecisioni, intervenite con gradualità, ritoccando eventuali errori con sforbiciate leggere e aiutandovi con tagli verticali, invece che diagonali. Mettete ora in piega la frangia per poter controllare se il taglio è andato effettivamente bene.

Ricordate che il taglio della frangia laterale può essere altresì effettuato con un rasoio. Si tratta di una procedura un po’ più complessa, ma con una buona manualità riuscirete comunque a raggiungere un risultato desiderato: prendete un po’ di capelli alla volta, iniziando con la parte più vicina al naso, e andate avanti seguendo il procedimento precedentemente espresso.

[elfsight_instagram_feed id=”104″]

Come prendersi cura della frangia

La frangia è un elemento di stile che richiedere un’attenzione specifica e una cura regolare. Sia che si tratti di una frangia particolarmente lunga, sia che si tratti di una frangetta alla francese, il suo taglio dovrebbe essere effettuato con particolare prudenza, in maniera tale che possa fungere da adeguata valorizzazione del proprio taglio e non – di contro – appesantire la bellezza del proprio hairstyle (ricordate sempre che, contrariamente ad altre parti del taglio, “nascondere” una frangetta non convincente è più difficile!).
Ricordato ciò, sottolineiamo come per poter disporre di una bella frangia perfetta, occorra innanzitutto evitare di toccarla troppo spesso, visto che questa parte della chioma tende facilmente a diventare grassa (è infatti la parte più a contatto con la fronte). Meglio pertanto applicare un prodotto che non abbia un effetto grasso sulla pelle, e lavorare quotidianamente sulla frangia per dare un effetto bombato, in maniera tale che non si attacchi alla fronte.
Aggiungiamo inoltre che – come intuibile – la frangia lunga ha più bisogno di attenzioni rispetto a quella corta, poiché bisognerà evitare che ricada regolarmente sugli occhi. Pertanto, la frangia lunga dovrà essere tagliata più frequentemente rispetto alla frangia corta, al fine di non disturbare la visione e di non generare il conseguente fastidio di “spostarla” con eccessiva frequenza. Si tratta, quanto sopra, di un elemento che troppe donne sottovalutano: pertanto, prima di passare alla frangia pensate attentamente alla lunghezza desiderata.
In ulteriore integrazione ai brevi consigli che sopra abbiamo avuto modo di formulare, ricordiamo come per poter disporre di una frangia impeccabile occorra farla tagliare da un bravo parrucchiere di fiducia. Anche se la vostra frangia presenta un ciuffo ribelle che non vuole proprio saperne di allinearsi al resto, resistete alla facile tentazione di prendere le forbici e “spuntare”: per poter evitare che la frangia si disfi, occorre sempre l’intervento di un professionista (tenetelo bene a mente!).
Se poi desiderate approcciare al fai-da-te, e tagliare la frangia da sole, ricordate che potete farlo fissando in testa alcuni concetti basilari, e solamente ad alcune condizioni specifiche. Ad esempio, se i capelli sono mossi e la frangia è naturale e sbarazzina, potete tagliarla da sole facendo attenzione a procedere per gradi (la frangia non deve essere mai tagliata in una volta sola!). procedete dunque poco alla volta, con la punta delle forbici, tagliando solo le ciocche che si trovano nell’area della fronte che è delimitata dalle sopracciglia. Se temete di fare errori o di entrare in confusione, tornate al punto precedente: ricorrere all’esperienza di un buon parrucchiere!
Infine, un ultimo consiglio di chiusura. Se notate che la frangia diventa grassa più velocemente rispetto al resto della chioma, potete fare ricorso allo shampoo secco, da spruzzare direttamente sulle radici, lasciando agire qualche minuto prima di pettinare i capelli. La frangia sembrerà appena lavata, diventando pertanto “omogenea” rispetto al resto della chioma.
E voi che ne pensate? Avete mai sperimentato una bella acconciatura con la frangia? Come la curate? C’è qualche suggerimento che volete condividere con tutti noi e con le lettrici che ci seguono?