Grey Blending, il balayage per capelli bianchi e grigi

Ce ne siamo accorti tutti, la concezione sui capelli grigi è mutata negli anni, rendendoci tutti più contenti e a nostro agio nella propria pelle. Ciò non toglie che scovare i primi capelli grigi possa rappresentare comunque uno shock, ma al giorno d’oggi sembra che il tuffo al cuore si possa mitigare eccome.

Andiamo ad approfondire insieme la tecnica del grey blending, che tradotto dall’inglese significa letteralmente “miscelare il grigio“. L’intenzione super nobile di questa tecnica (che altro non è che un’interpretazione del balayage) prevede che ciocche bianche o argentate siano, per l’appunto, miscelate per mascherare la ricrescita. Ecco in cosa consiste la tecnica del balayage grey blending.

Viene adottata in tutto e per tutto la teoria del balayage, con l’obiettivo di ottenere un risultato molto naturale, fondendo i grigi con il tono naturale che sussiste alla base. La tecnica di schiaritura del grey blending è a mano libera proprio come il balayage. Deve avvenire la suddivisione dei capelli in più ciocche, andando poi a posizionare la miscela di schiarente o tonalizzante proprio dove ce n’è necessità. Il grey blending balayage sarà personalizzato e davvero molto naturale.

Non dobbiamo però confonderlo con i grey highlights, perché esse al contrario sono delle ciocche ben definite e visibili, che aggiungono sicuramente più drama alla chioma. Un metodo indirizzato a tutte quelle persone che hanno intravisto qualche ciocca bianca o grigia e che intendono mascherarla con naturalezza.

Come scegliere il correttore per pelli mature e dire addio alle occhiaie (per sempre)