Vai al contenuto

Tagli

Un trend che arriva diretto dai ’70: lo Shag Cut fa battere il cuore

Avete presenti le caratteristiche principali del taglio di capelli Shag Cut 2022? Questo taglio di capelli ha una sua struttura irregolare e arruffata. La particolarità di questo taglio di capelli implica la presenza di punte scalatissime. Viene direttamente dai primi anni ’70.

Lo Shag Cut è super sia su capelli corti che su capelli lunghi, il che lo rende ancora più un trend. Il 2022 sarà all’insegna di questo taglio iper glam. A differenza del mullet, rende la chioma super caotica e sbarazzina, composto da una corona voluminosa e ciocche disposte disordinatamente sulla testa. Si adatta benissimo anche sui capelli spessi. Non solo sfoltendo si andrà a scaricare volume, ma accompagna bene anche quelle ciocche che assumono direzioni diverse. È ovvio che se preferisci un look ordinato e mai scomposto, beh… lo shag cut non fa per te!

Shag Cut sui capelli medi, corti e lunghi: il trend che viene dai ’70

Il taglio di capelli shaggy può essere eseguito sia su tutta la lunghezza dei capelli che su aree specifiche. La regola base di questa acconciatura è quella di scalare scalare scalare. La lunghezza ideale per il taglio di capelli shag 2022 è la lunghezza media o corta. Sui ricci, questo taglio di capelli sembra più disordinato. Risulta semplicemente fantastico sui capelli corti. Può anche essere glamour (se schiarisci leggermente i capelli tra le scalature), e romantico (se hai i capelli ricci) e business (se li tratti con cura con un diffusore e una spazzola tonda). Abbiamo già detto che la lunghezza media è adatta per creare assolutamente qualsiasi acconciatura. Il taglio di capelli shag non fa eccezione. Sì, e scalare questi capelli è molto più facile che farlo con i capelli lunghi. Con i capelli lunghi, la situazione è sicuramente un po’ diversa, creare il volume su di essi è super difficile.

Appuntamento col bio: due maschere naturali da fare a casa a fine inverno