Guide

Smog ai massimi livelli? Ecco come proteggere i capelli…

Lo smog urbano di questi periodi può impattare negativamente sulla salute dei vostri capelli: ecco come potete correre facilmente ai ripari!

smog e capelli

È oramai notizia ben diffusa che in alcune grandi città del Nord Italia i livelli di smog urbano sono arrivati ai livelli di guardia e… anche oltre. Purtroppo, un simile contesto non può che condurre a effetti molto sgraditi sul nostro organismo e sulla nostra salute: si pensi all’affaticamento nella respirazione, al bruciore agli occhi e – altresì – a diversi pregiudizi che possono essere facilmente avvertiti sulle nostre chiome, con i capelli che appariranno essere più pesanti, più spenti, più sporchi.

Ma in che modo è possibile invertire questa tendenza? In che modo è possibile rispondere all’aggressione degli elementi inquinanti esterni? Cerchiamo di individuare alcune regole di buona fruizione quotidiana, nella speranza di poter porre rimedio a una comune situazione…

Perché lo smog è così nocivo per i nostri capelli

La prima cosa che dobbiamo capire insieme è per quale motivo lo smog sia così pericoloso per la salute dei nostri capelli.

Per far ciò, bisogna premettere come purtroppo la sua azione sia ben più gravosa della semplice “sporcizia”. Le microparticelle inquinanti che possono trovarsi nell’ambiente urbano (e non solo) possono infatti aggredire pesantemente la nostra chioma, causando delle situazioni piuttosto nocive e, in alcune persone, esponendo anche a dermatiti e altri eventi che potrebbe essere il caso di condividere con un dermatologo. Tra le persone maggiormente a rischio, ci sono quelle che hanno l’abitudine a portare i capelli lunghi, e le persone che hanno un fototipo I e II, ovvero che hanno pelle e capelli molto chiari.

In aggiunta a ciò, si tenga conto che lo smog può essere alla base di situazioni ancora più serie, come quelle che sottostanno – ad esempio – una eccessiva caduta dei capelli, visto e considerato che l’inquinamento induce il nostro cuoio capelluto a una produzione eccessiva di radicali liberi, particolari molecole che oltre ad attivare un processo di caduta, vanno altresì a indebolire il follicolo dei capelli.

Le polveri sottili, i metalli pesanti e i gas di scarico, creano inoltre una sorta di “pellicola” sulla cuticola esterna dei capelli, che risultano più opachi e più spenti.

Ma in che modo poter intervenire per poter prevenire e arginare una buona parte dei danni che lo smog può provocare sui nostri capelli? Come possiamo agire per poter recuperare positivamente un benessere alla nostra chioma?

Come prevenire i danni dello smog sulla chioma

In primo luogo, possiamo intervenire positivamente andando a proteggere i nostri capelli sotto un cappello, un berretto o un foulard. Nelle ipotesi in cui questo non sia possibile, o se proprio non vogliamo prendere in considerazione l’idea di “celare” la chioma al di sotto di questi accessori, si può comunque fare qualcosa adottando specifici trattamenti per capelli con shampoo e balsami appositi.

Per questo motivo, l’ideale sarebbe quello di nutrire e lavare i capelli con prodotti ad hoc, evitando di eccedere con la frequenza ma avendo pur sempre cura di individuare delle formule delicate che possano aiutarvi a rimuovere le microparticelle di smog dalla chioma e dalla cute, senza risultare aggressivo sul cuoio capelluto e sulla cuticola, che già di per sè sarà messa a dura prova dall’inquinamento.

Fatto ciò, valutate almeno una volta al mese di effettuare un buon scrub sulla cute: si tratta di prodotti non ancora molto diffusi, ma che possono essere di grande aiuto per poter rimuovere eventuali impurità tra i capelli, favorendo la ricrescita della chioma.

Come intuibile, per qualsiasi maggiore informazione vi consigliamo di consultare il vostro hairstylist di fiducia e, per situazioni più serie, un buon dermatologo che possa individuare la migliore soluzione per voi!

Previous ArticleNext Article