Vai al contenuto

Guide

Capelli ricci corti, come gestirli col plopping e altre tecniche

I capelli ricci corti presentano, innanzitutto, il problema più noto alle donne: l’odiatissimo effetto crespo (qui un anticrespo estivo fai-da-te). Poi, non dimentichiamoci che con i capelli ricci corti è estremamente difficile domare i volumi. Vediamo pochi semplici passi come superare questi problemi e goderci i nostri spettacolari capelli ricci corti.

Come si fa “plopping” ai capelli ricci: per una piega definita e mai crespa

Domiamo i capelli ricci corti

Facciamoci aiutare da un professionista: gli hairstylist, come ogni professionista che si rispetti, hanno anche loro delle specializzazioni. Scegliamone uno che sia esperto nella gestione di capigliature particolari, come i capelli ricci corti. Troviamo ed utilizziamo uno shampoo apposito: il cuoio capelluto delle donne che abbiamo i capelli ricci corti è diverso da quello delle donne con altri tipi di capelli, ed ogni cuoio capelluto esige un trattamento diverso durante i lavaggi. Esistono shampoo creati appositamente per questo, utilizziamoli! Come per lo shampoo anche il balsamo può essere ad hoc: la natura diversa dei capelli (crespi, grossi, sottili, grassi, ecc.) richiede un tipo diverso di balsamo. Quindi, se i nostri capelli sono crespi, utilizziamo un balsamo adatto a questa natura del capello.

Non utilizzare la spazzola: quando dobbiamo sciogliere i nodi, ancor più frequenti nelle capigliature riccie e crespe, NON utilizziamo mai la spazzola, ma sempre e solamente le nostre dita, con i capelli sempre umidi, se non addirittura bagnati e sempre dopo aver utilizzato l’apposito balsamo. Utilizzare gli impacchi per eliminare o ridurre di molto il crespo: l’olio di argan si presta meravigliosamente bene per l’eliminazione del crespo dai nostri capelli ricci corti. Facciamo un bell’impacco con quest’olio lasciando che agisca per almeno un’ora. Poi laviamo i capelli per benino. Il turbante: se avvolgiamo i nostri capelli in un “turbante” fatto con un asciugamani e lo teniamo su per almeno venti minuti avremo eliminato la gran parte dell’acqua ma avremo anche evitato il fastidioso “effetto piatto”.

Il phon (se indispensabile) SEMPRE con il proprio diffusore: per l’utilizzo del phon valgono tre semplici regole: 1. utilizzarlo sempre a bassa velocità; 2. Utilizzarlo sempre a temperatura non troppo alta; 3. Utilizzarlo sempre con il proprio diffusore e non troppo lontano dai capelli.
Anche la gravità può darci una mano: mentre asciughiamo i capelli (normalmente con la testa verso l’alto), ogni tanto mettiamoci a testa in giù perché posizionandosi i capelli in modo diverso, si eviterà quel fastidioso “effetto di piatto” tipico delle asciugature “ferme” dei capelli ricci corti. Evitare di toccare i capelli mentre si fa la piega: durante la messa in piega evitate di toccarli anche con le dita (spazzolarli mai, per carità!!!) così non altererete la forma naturale del ricciolo.

Capelli corti contro capelli lunghi, chi vince? 11 trasformazioni hot