grigi naturali

Come passare dai capelli tinti a un grigio o bianco naturale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ultimamente moltissime celebrità hanno mostrato i loro capelli grigi, naturali, privi di tinte o trattamenti coloranti. Il primo è stato Donald Trump che dal suo iconico giallo paglierino è tornato a un colore più sobrio; l’ex Presidente degli Stati Uniti d’America è stato seguito dalla Principessa Carolina di Monaco e l’ultima a mostrarsi con i capelli del proprio colore naturale è stata la conduttrice Csaba Della Zorza. Ma una domanda sorge spontanea: come si può ottenere un colore naturale liberandosi dalla tinta una volta per tutte? Ve lo sveliamo noi!

Leggi anche: Ricrescita grigia? No problem! guarda le trasformazioni di queste donne!

Come liberarsi della tinta seguendo qualche semplice passaggio

Abbandonare l’incombenza di fare la tinta almeno una volta al mese non è di certo una scelta facile e bisogna valutare i pro e i contro di questa decisione. Bisogna innanzi tutto mettere in conto che la manutenzione dei capelli grigi o bianchi è altissima e – sebbene ci saremmo liberate dalla tinta – non di certo dalla cura costante dei nostri capelli. Il primo passaggio, comunque, è certamente quello che prevede l’impatto psicologico: una chioma grigia o bianca naturale dichiara al mondo che il tempo sta passando e che la maturità avanza. Sorpassato questo piccolo ostacolo, si può pensare già al secondo step.

La ricrescita

La distribuzione dei capelli bianchi o grigi gioca un ruolo fondamentale nella transizione da capelli tinti a naturali; bisognerà quindi capire dove crescono maggiormente e se sono uniformi su tutta la testa o solamente in alcune zone. Se la crescita dei capelli bianchi è compatta è un buon segno perché vorrà dire che riduce le zone da decolorare. Se invece i bianchi avanzano soprattutto sulle radici e sulle tempie il lavoro da affrontare è più lungo.

Csaba dalla Zorza

Foto: @csabadallazorza [IG]

Scegliere il giusto grigio

I capelli grigi naturali sono belli soprattutto quando hanno al loro interno delle sfaccettature di colore, giocando fra toni caldi e freddi e qualche punta di bianco o argento. Questo vuol dire che occorrerà spegnere qualsiasi pigmento giallo o arancione. Questi passaggi sono davvero lunghi e delicati ed è assolutamente sconsigliato il fai da te: contattate il vostro parrucchiere di fiducia e affidatevi totalmente a lui!

Da biondi a grigi

Se si parte da una base bionda o comunque chiara, la transizione è meno evidente. Durante la fase di schiaritura, però, sarà bene usare a casa un ottimo shampoo antigiallo, così da favorire l’avanzamento del bianco sulla chioma.

Da castani a grigi

La transizione dai capelli castani a grigi è più complicata e decisamente più lunga: bisogna iniziare a far crescere il più possibile la base naturale e ovviamente sarà molto evidente. Si può mitigare questa fase raccogliendo i capelli in acconciature voluminose alle radici che confondano un po’ l’avanzamento del bianco sui capelli tinti.

Carolina di Monaco

Foto: iodonna.it

Il taglio

Anche il taglio giusto è un fattore estremamente importante da considerare. Un taglio scalato, asimmetrico e dinamico, ad esempio, elimina le punte del vecchio colore e dona freschezza alla chioma stessa oltre che al volto.

Se tutto questo adesso vi è più chiaro non avete scuse per non cedere al vostro colore naturale di capelli, fatevi coraggio e affrontate il nuovo anno in modo completamente nuovo!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo, è appassionata al mondo del benessere e dell'armocromia. Ama sperimentare prodotti per capelli e indossare accessori etnici e dai colori vibranti.
Seguici su Facebook

Approfondimenti, rumors, scoop, indiscrezioni, guide, fotogallery, video e tanto altro ancora.

Se su Instagram?

Seguici anche sulla nostra pagina Instagram, migliaia di foto tutte per te!