shampoo

Foto @NotarYES – Shutterstock

Shampoo colorante: cos’è, come si usa e come farlo a casa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Spesso ci viene voglia di cambiare colore, ma abbiamo paura di dover ricorrere a una tinta permanente. Per fortuna esistono tante soluzioni per tingere i capelli in maniera temporanea, come ad esempio lo shampoo colorante. Questa alternativa è economica e permette di giocare con il colore dei propri capelli ogni volta che si vuole.

Leggi anche: Riflessi arancioni? Come eliminarli e lo shampoo consigliato

Cos’è lo shampoo colorante

Lo shampoo colorante è un’alternativa alla classica tinta: la sua durata è di circa 6-8 lavaggi e permette di sperimentare le tonalità che si preferiscono prima di provarle in maniera permanente sui propri capelli. Questo prodotto è formato da molecole che entrando nella cuticole del capello e nel suo strato esterno, lo colorano. Non contiene assolutamente ammoniaca e quindi non intacca in alcun modo il colore naturale della propria chioma.

Come si usa

Applicare lo shampoo colorante è molto semplice: questo prodotto può essere applicato sia sui capelli asciutti che bagnati, aspettando il tempo di posa indicato sulla confezione. Dopo aver atteso i tempi utili, bisogna risciacquare e procedere con il normale shampoo e balsamo; attenzione però! Prima di lavare nuovamente i capelli è meglio aspettare almeno un paio di giorni. Questa soluzione è davvero utile soprattutto in caso di capelli bianchi. Lo shampoo colorante, comunque, agisce solamente sui colori tono su tono, di conseguenza se da more voleste diventare bionde scordatevi questa alternativa: l’effetto sarà praticamente nullo.

Shampoo colorante naturale

Se l’idea di utilizzare prodotti industriali non vi entusiasma, sappiate che potrete provare a tingere i vostri capelli anche con con colorazioni totalmente naturali come il caffè, il tè nero e il cacao!

CAFFÈ: per tingere i capelli con il caffè preparate una moka e dopo aver aspettato che la bevanda si freddi del tutto, portatela sulla vostra chioma dalle radici alle punte e lasciate agire per 5 minuti; prima di sciacquare passate sui vostri capelli un po’ di aceto bianco e poi sciacquate e lavate con il solito metodo.

TÈ NERO: il procedimento per tingere i capelli con il tè nero è praticamente lo stesso; lasciate bollire le foglie per almeno 30 minuti e poi mantenetele in infusione per 24 ore. Dopodiché applicate il tutto sui capelli e lasciate in posa per un’ora circa.

CACAO: in questo caso il prodotto può essere applicato direttamente sulla chioma dopo esser stato sciolto a bagnomaria e – ovviamente – solamente quando sarà completamente freddo. Lasciate in posa per almeno un’ora e dopo aver fatto il normale shampoo noterete che i vostri capelli saranno più scuri, più morbidi, più lucenti, ma soprattutto profumatissimi!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Nato a Zurigo nel 1991, di origini siciliane ma romano d'adozione, Basilio Petruzza è uno scrittore e blogger. È laureato in Dams e, nonostante la sua prorompente calvizie, è da sempre appassionato di capelli, tagli e colori.