Vai al contenuto

Tagli

Il perfetto taglio per capelli ricci: non si gonfia e non vuole messa in piega

Il mullet, un tempo considerato un passo falso per l’acconciatura, è tornato e la versione odierna dello stile corto e lungo potrebbe convincere anche l’obiettore più convinto a provarlo. Come facciamo a saperlo? Bene, un’alta percentuale di modelli e celebrità sta cullando questo stile.

A sentir dire gli stilisti Chris Jones e Rena Calhoun in merito al “fare” di tendenza e hanno confermato i nostri sospetti: il mullet ha assunto un livello completamente nuovo di cool. L’ultima versione del cefalo è molto più morbida e la variazione di lunghezza non è così netta, da qui il suo nuovo soprannome, il mullet corto o “shullet”. (Il soprannome si applica anche alla somiglianza di un incrocio tra un shag e un mullet.) Può adattarsi ai capelli lisci come ai mossi e ai capelli ricci. La chiave di questo stile è garantire che il taglio sia più sottile e morbido intorno al viso.

Lo shullet di Rowan Blanchard ha tutto: volume, consistenza e persino glam rock. “La sua texture naturale funziona perfettamente per questo look facile da lavare”, commenta Jones. Per ottenere ricci leggeri e rimbalzanti, Calhoun aggiunge: “Preparo sempre i miei clienti con Virtue Moisture Defining Whip ($ 38). Una volta applicato il prodotto, puoi asciugare all’aria ma un diffusore fa miracoli sui ricci se vuoi quella pompa extra di volume.”

Trucco anti caldo e anti sudore: due ingredienti nella ricetta perfetta