Asciugacapelli: come dovresti usarlo nel modo corretto

Uno strumento utilissimo che abbiamo tutte in casa, ma che solamente poche sanno come va usato esattamente. Per impiegare l’ asciugacapelli senza correre il rischio di danneggiare la chioma è necessario seguire determinate indicazioni. Tutto quello che c’è da sapere sull’asciugacapelli.

Uno strumento utilissimo che abbiamo tutte in casa, ma che solamente poche sanno come va usato esattamente. Per impiegare l’ asciugacapelli senza correre il rischio di danneggiare la chioma è necessario seguire determinate indicazioni. Tutto quello che c’è da sapere sull’asciugacapelli.

Un classico a casa di tutte: l’ asciugacapelli

Tutte sappiamo che il metodo migliore per asciugare i capelli senza danneggiarli sarebbe quello di asciugare la chioma all’aria aperta, in modo che non si danneggino e respirino. D’altronde è anche però ovvio che non sempre si può fare, anzi, poche volte, dal momento che la stagione calda è relativamente breve e restare con la cute bagnata a dicembre è il metodo migliore per buscarsi un raffreddore. Per questione di tempo e praticità si usa sempre l’asciugacapelli.

Il phon è uno strumento indispensabile per avere capelli perfetti e duraturi. Se però non viene usato nel modo giusto, può diventare un’arma a doppio taglio perché ha il potere di danneggiare sia la cute che i capelli. Per preservare la bellezza della chioma e usare questo strumento nel modo giusto bisogna prendere le giuste precauzioni. Innanzitutto è bene tamponare bene i capelli e poi cercare magari di usare un termo protettore. Questo prodotto è da vaporizzare sui capelli prima di andare ad asciugarli con l’ asciugacapelli e ha lo scopo di idratare la chioma e di proteggerla dal calore emanato dallo strumento, che se viene usato nel modo sbagliato secca e porta i capelli a sfibrarsi.

L’asciugacapelli è meglio usarlo per 3 volte alla settimana al massimo e se possibile non usarlo immediatamente dopo tinture e trattamenti chimici che seccano già di loro il capello. È chiaro che solitamente questa operazione viene fatta dal parrucchiere, che di certo utilizza il phon e di solito molto da vicino. A casa però è bene cercare di evitare di fare gli errori più comuni in modo da lasciare l’utilizzo selvaggio dell’ asciugacapelli solo a quelle volte saltuarie in cui si va dal coiffeur.

Prima di usare l’ asciugacapelli

Di regola sarebbe meglio non utilizzare l’ asciugacapelli su capelli non tamponati, ovvero zuppi d’acqua, perché equivarrebbe a cuocerli in padella. State già pensando che lo fate sempre vero? Ebbene è un errore molto comune dettato dalla fretta. I capelli devono essere districati con le dita, piano, con delicatezza. Essi dopo il lavaggio, vanno tamponati con un asciugamano, facendo attenzione a non strofinare la capigliatura con forza, perché i capelli potrebbero spezzarsi. Il metodo migliore è quello di avvolgere i capelli nell’asciugamano e attendere qualche minuto, facendo dell’altro, in questo modo l’acqua in eccesso viene assorbita. Se i tuoi capelli sono corti, puoi anche limitarti a tamponarli con cura, sarà sufficiente.

Per asciugare i capelli ci vogliono gli strumenti giusti, quindi con i becchi o delle mollette, separa delle ciocche più piccole, in modo che poi siano più rapide e semplici da asciugare. Metti vicino a te tutto quello di cui hai bisogno, in modo da essere comoda. Il tuo asciugacapelli deve essere un buono strumento e sicuro, meglio se completo di beccuccio e diffusore. Le tipologie di asciugacapelli sono diverse, a ioni, in ceramica, classico, ma questo lo vedremo dopo, la cosa che conta ora è che tu sappia che si tratta di un prodotto a norma, meglio se ha una potenza di almeno 1600 Watt, con la possibilità di regolare caldo e freddo. Preparati anche le spazzole e i pettini che utilizzerai per mettere in piega i capelli: pettine a denti larghi, spazzole a setole morbide, meglio se sono naturali. Ricordati che questi strumenti devono essere puliti e lavati spesso. Evita i materiali come la plastica che rendono i capelli elettrici, soprattutto nelle giornate ventose.

Asciugarsi i capelli

Una volta lavati e tamponati bene i capelli, iniziate l’asciugatura con la testa all’ingiù, per dare così più volume alla chioma. Se hai i capelli ricci soprattutto è perfetto, o comunque è sempre bene partire da qui perché è importante avere la nuca asciutta e di solito è una zona che invece viene lasciata umida. Durante l’asciugatura è di importanza fondamentale tenere la temperatura dell’ asciugacapelli bassa, perché non esagerare con il calore significa non rischiare di spezzare i fusti: la temperatura media che dà il phon di solito è più che sufficiente per avere un risultato perfetto.

È importante ricordare di tenere il phon comunque lontano adeguatamente dal cuoio capelluto, una spanna almeno (quindi 25 cm), per non irritare la cute. Mentre si phonano i capelli muoverli con le mani, come fa il parrucchiere. Aiutatevi sempre con le mani anche per dare forma all’acconciatura,intervenendo con le spazzole solamente quando è necessario, alla fine.

Creare il giusto styling con l’ asciugacapelli

Una volta avere effettuato quella che il parrucchiere definirebbe “un’asciugatura veloce”, puoi continuare ad usare l’ asciugacapelli muovendolo su e giù, dalle radici alle punte di ogni ciocca, senza cambiare direzione. Queste sono regole importanti per evitare l’effetto crespo e l’insorgenza delle doppie punte. Se poi desideri un’acconciatura liscia, la cosa migliore è quella di usare un’ asciugacapelli con il beccuccio inserito e di puntare lo strumento a 30-45°, con il getto di aria diretto verso il basso, o ancora meglio quasi parallelo alla ciocca. Puoi pensare di aiutarti con una spazzola tonda, la cosa migliore è una spazzola in crine naturale e mai in metallo.

Le spazzole in metallo sono molto usate, anche dal parrucchiere, perché lo stesso scaldandosi aiuta a dare forma ai capelli, come fosse una piastra, la verità però è che danneggia i capelli.

Ad ogni modo con la spazzola tonda avvolgi le ciocche dall’interno e tirale lentamente verso il basso accompagnandole con il getto d’aria, sempre a debita distanza. Non appoggiare quindi mai il becco del phon alla spazzola, perché i capelli si cuociono! È una cosa che tutti vediamo invece sempre fare al parrucchiere: il fatto è questo, a lui interessa che tu dal salone esca ben pettinata in quel momento, a te invece interessa avere capelli sani anche qualche giorno dopo.

Se hai i capelli ricci, la cosa migliore è quella di raccogliere i boccoli nel palmo della mano seguendo la loro direzione mentre li asciughi, così facendo ricreerai l’effetto naturale dei capelli, evitando il crespo. Con i capelli ricci è perfetto anche l’uso dell’ asciugacapelli con applicato il suo diffusore: attezione a non far entrare i capelli nei fori e mantieni bassa la temperatura. Non appoggiare la punta però alla cute, non massaggiare le radici dei capelli con il diffusore perché l’effetto sarà una nuvola di capelli increspati.

Quando i capelli sono ormai solo un pochino umidi, lasciali stare, in 5 minuti saranno asciutti da soli. Dai piuttosto un’ultima passata con l’aria fredda. Questo trucchetto permette di favorire la richiusura dei fusti, permettendo di ottenere capelli più lucenti. A capelli asciutti puoi pettinare i capelli con la spazzola. Se hai problemi di capelli secchi stendi qualche goccia di siero sulle punte.

Tipi di asciugacapelli

Gli asciugacapelli moderni hanno tutti la possibilità di fare uscire un getto caldo e uno freddo. L’aria fredda non serve, come alcuni credono per non creare choc termico nei capelli dopo la doccia, ma come tocco finale per dare lucentezza alla messa in piega.

Detto questo un modello molto in voga è l’ asciugacapelli potenziato con ioni. La sensazione, anche provandolo sulla mano, è quella di un effetto liscio, levigato. Il tempo di asciugatura viene ridotto da questo tipo di phon e i capelli sono sempre luminosi, lisci e definiti. La modalità ioni attivi infatti serve per evitare che i capelli si gonfino e si increspino in modo disordinato. Questo tipo di phon emette ioni negativi che vanno poi a suddividere le gocce di acqua in particelle sempre più piccole fino a che queste non scompariscono del tutto. Il metodo permette un’asciugatura rapida e i capelli restano morbidi. Con la classica asciugatura infatti i capelli vanno perdendo ioni e hanno la tendenza ad accumulare elettrostaticità. Con il phon a ioni attivi, l’equilibrio è ristabilito e si ottiene un effetto luminoso e definito.

Molti asciugacapelli a questa caratteristica aggiungono materiali di ultima generazione come la ceramica e la tormalina, materie che assicurano una  messa in piega davvero precisa e anticrespo. Il phon in ceramica riesce a garantire una distribuzione del calore omogenea sulla chioma. Grazie alle proprietà fisiche del materiale, la ceramica, riescono a distribuire il calore uniformemente e senza stressare i capelli. Per ottimizzare poi le prestazioni della ceramica, si è sempre più spesso aggiunta la tormalina, un materiale che è in grado di diffondere il calore in modo delicato.

Con l’asciugacapelli in ceramica si evitano i danni determinati dall’eccessivo calore sulla chioma e, generando ioni negativi, l’asciugatura è migliore e in tempi più rapidi. I phon agli ioni e quelli in ceramica e tormalina sono tutti ottimi prodotti e appositamente creati per asciugare senza rovinare i capelli: anche se la tecnologia usata è molto differente, il risultato è comunque molto soddisfacente. Un mix ottimale è quello di acquistare un asciugacapelli con entrambe le tecnologie contemporaneamente.